Farmaci contraffatti: dall’Ue in arrivo nuove norme di sicurezza

da , il

    farmaci on line

    Dall’Europa arrivano le nuove norme di sicurezza contro i farmaci contraffatti. Qualche giorno fa, infatti, il Parlamento europeo ha approvato una nuova legge per bloccare l’ingresso di medicinali contraffatti, i cui sequestri sono aumentati vertiginosamente in questi ultimi anni. La regolamentazione riguarda in primis i farmaci venduti via Internet. Sono molte, infatti, le persone che comprano in rete e non solo medicine. Anche i sali da bagno venduti via internet spesso contengono sostanze stupefacenti.

    Le istituzioni comunitarie hanno preso la decisione di mettere un freno al dilagare della contraffazione dei medicinali, un crimine ad alto rendimento e a basso rischio, destinato però ad avere vita breve. E’ prevista, infatti, la richiesta di una speciale autorizzazione da parte delle farmacie online a fornire farmaci al pubblico via internet e l’adozione di un logo comune, riconoscibile in tutta l’UE, per aiutare i pazienti ad individuare le farmacie autorizzate. Le farmacie, saranno tenute ad informare il pubblico anche dei relativi rischi connessi all’acquisto in rete di farmaci.

    Inoltre, tutte le farmacie online autorizzate saranno collegata ad un sito centrale a livello di Stato membro. I diversi siti web nazionali saranno a loro volta collegati a un sito web europeo. Ma il progetto di legge, introduce anche nuove norme di sicurezza sulle confezioni dei farmaci, in modo da garantire l’autenticità e l’identificazione delle singole confezioni, ma anche per verificare se l’imballaggio esterno sia stato manomesso.

    I controlli passeranno anche per la distribuzione, Infatti, in caso sospetto che il medicinale presenti un rischio per la salute pubblica, tutti gli attori della catena distributiva e tutti gli stati membri devono essere informati in maniera tempestiva per il ritiro immediato del farmaco falsificato. Anche, se la contraffazione spesso riguarda anche i prodotti dimagranti.

    L’Associazione europea dei consumatori, si è dichiarata soddisfatta del progetto di legge, anche perché la gran parte di chi acquista online è attirato dai prezzi dimezzati di questi farmaci, che arrivano a costare anche la metà rispetto al prezzo di listino.