Fare sport fa dimagrire anche perché ci spinge ad alimentarci meglio

da , il

    Sport salute alimentazione

    Tutti sappiamo che per dimagrire non basta la dieta, serve anche lo sport. Una sana e regolare attività fisica, infatti ci aiuta a bruciare un po’ di calorie, ad accelerare il nostro metabolismo e tonificare i nostri muscoli. Inoltre, il fitness ci permette di ossigenarci meglio, e conseguentemente eliminare più facilmente da nostro corpo i radicali liberi. Ma c’è anche un effetto “secondario” collegato con l’attività sportiva, che però si ripercuote in modo positivo sul nostro organismo, permettendoci di eliminare facilmente i chili di troppo. Il fitness influisce sul nostro cervello e sul senso di fame e di sazietà, spingendoci ad alimentarci in modo più sano e consapevole.

    A sostenere l’esistenza di questo collegamento diretto tra sport e riallineamento verso un regime alimentare più equilibrato e salutare, è uno studio condotto dal prof. Miguel Alonso, docente di Neurologia presso l’Università di Harvard (USA), che da anni si occupa di studiare come il cervello influenzi le nostre scelte in fatto di cibo. “Studi precedenti — afferma lo studioso — hanno dimostrato che l’esercizio modifica alcune strutture cerebrali e il loro funzionamento: aumenta la capacità di sentirsi sazi e migliora le performance nei test sulle funzioni cerebrali esecutive, come il controllo inibitorio.

    Questo è molto importante, perché l’abilità nel “sopprimere” comportamenti non adeguati ai nostri scopi influenza anche le scelte alimentari: un buon controllo inibitorio è alla base della possibilità di riuscire in una dieta per perdere peso ed è anche essenziale per prevenire l’accumulo di chili di troppo nei soggetti con peso normale”. In pratica, fare dell’attività fisica regolare automaticamente influenza la percezione della fame e della sazietà a livello cerebrale, rimettendo tutto in equilibrio.

    Naturalmente si tratta di una teoria tutta da dimostrare, e infatti molti altri medici si mostrano alquanto perplessi, quando non scettici del tutto. Quello che penso io, da profana assoluta, è che le due cose si abbinino perché semplicemente farsi del bene, cioè avere un comportamento attento e rispettoso nei riguardi del proprio corpo, è “come le ciliegie”, una volta che cominci da una parte, tutto il resto segue di conseguenza.

    Fare dello sport, significa “riappropriarsi” del proprio corpo, “sentirlo” (bello, sano, scattante), e a questa sensazione ci si abitua facilmente, e la si vuole rendere più intensa, più duratura. Ecco che, allora, si cerca di migliorare l’alimentazione, eliminando il dannoso cibo spazzatura e aumentando le quantità di frutta e verdura freschi, si cerca di smettere di fumare, si sta di più all’aria aperta, si fa più attenzione alla pelle, ai capelli… ci si prende cura di sé, insomma. Non ho forse ragione?