Embolia polmonare, sintomi da riconoscere e primo intervento

Embolia polmonare sintomi e intervento

L’embolia polmonare è una condizione patologica estremamente grave, che se non riconosciuta e curata in tempo può avere anche esiti letali. Viceversa, qualora il soccorso fosse immediato ed efficace, non lascerebbe nessuna traccia nell’organismo. L’embolia è un’ostruzione di vasi sanguigni importanti (in questo caso dei polmoni), provocata da un trombo (o embolo), ovvero un coagulo di sangue. Come è facilmente intuibile, una eventualità del genere, sebbene teoricamente possibile per tutti, in realtà si verifica in presenza di alcuni fattori di rischio legati a difetti nella circolazione del sangue. Infatti, l’embolia polmonare è quasi sempre collegata con un altro evento patologico, la trombosi venosa. Vediamo di approfondire.

Embolia polmonare: le cause

Come anticipato, l’embolia polmonare si verifica quando un embolo (che si può formare in qualunque parte del corpo) “migra” fino ad una delle arterie di questi organi della respirazione e la blocca. Ma perché questo accade? In genere l’embolia viene anticipata da una trombosi venosa profonda, che a sua volta altro non è che la formazione di coaguli sanguigni per difetto di circolazione, negli arti inferiori. Ma il trombo può formarsi anche in altre occasioni, ad esempio a seguito di interventi chirurgici di tipo ortopedico. Quando si sostituiscono parti di ossa con protesi (ad esempio femore, bacino o ginocchio), frammenti di grasso, di tessuto, ma soprattutto di sangue, possono “staccarsi” e migrare verso altre aree del corpo fino a bloccare qualche arteria. Poiché nella maggior parte dei casi l’embolia polmonare è però collegata con la trombosi delle gambe, a scatenarla può essere una prolungata immobilità degli arti inferiori, come durante i viaggi in aereo in soggetti a rischio e l’ingessatura di un arto. Vediamo meglio la sintomatologia.

Embolia polmonare: i sintomi

L’embolia polmonare può avere dei sintomi specifici (che aiutano a capire cosa sta succedendo nell’organismo), anche se non sempre si presentano tutti insieme:

In presenza di una sintomatologia che presenti queste caratteristiche, e magari di fattori di rischio che vedremo più avanti, la prima cosa da fare è recarsi al pronto soccorso per accertamenti.

Embolia polmonare: i fattori di rischio

I fattori di rischio dell’embolia polmonare sono i seguenti, sempre tenendo conto che un evento simile può comunque capitare a tutti:

  • Obesità e gravidanza (il peso crea scompensi a livello di circolazione venosa periferica)
  • Interventi chirurgici e impianto di protesi ortopediche (in questo caso, però, esiste una profilassi medica che riduce i rischi)
  • Familiarità
  • Problemi di circolazione e flebite (infiammazione delle pareti interne di una vena provocata da un ristagno del sangue)
  • Età avanzata (gli anziani hanno più probabilità di venire colpiti da questa patologia)
  • Immobilità forzata e prolungata (gravidanze a rischio, degenza dopo interventi, viaggi aerei lunghi ecc.)

Embolia polmonare: diagnosi e cure

Se si ha il sospetto di essere stati colpiti da un’embolia polmonare, perché si presentano i sintomi che abbiamo visto, si è stati sofferenti di flebiti di recente, si è stati sottoposti ad un intervento eccetera, bisogna sottoporsi a degli accertamenti immediati al pronto soccorso. Una TAC toracica e un ecocardiogramma sono gli esami diagnostici che possono evidenziare un’embolia polmonare in corso. In questi casi, a seconda della gravità i medici possono decidere di eliminare il trombo in modo chirurgico (se è di dimensioni considerevoli) o usare dei farmaci trombolitici, che però hanno effetti collaterali importanti per cui vengono utilizzati solo in casi estremi. In generale, micro iniezioni di eparina, che è un fluidificante del sangue, permetteranno di riportare la situazione alla normalità.

Segui Pour Femme

Martedì 20/03/2012 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Segui PourFemme
Scopri PourFemme
torna su