Doppio trapianto: cuore e rene nuovi per una giovane madre

da , il

    trapianto di organi

    E’ il 1994: una giovane madre fiorentina di 23 anni si ammala gravemente subito dopo il parto. La diagnosi parla di una malattia cardiaca molto grave, sviluppata con la gravidanza. Sei mesi dopo la nascita del bambino, la ragazza viene quindi sottoposta a un intervento chirurgico per il trapianto del cuore, che ha esito positivo. Trascorso qualche anno, però, insorge una nuova malattia cardiaca da rigetto che colpisce le coronarie. Come se non bastasse, a questo grave disturbo si aggiunge un’insufficienza renale molto grave, che se non presa in tempo può portare alla dialisi.

    Per sopravvivere la donna ha bisogno al più presto di un cuore e di un rene nuovi. Tre mesi fa, a distanza di 16 anni dal primo intervento, la donna è stata finalmente sottoposta a un doppio trapianto di organi. Il delicato intervento è stato effettuato al policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena. Per portare a termine con successo l’operazione, un’equipe di specialisti composta da 40 persone ha lavorato senza sosta per 16 ore.

    “La paziente ha reagito bene al complesso intervento - spiega il cardiochirurgo Gianfranco Lisi – ed è stata ricoverata per tre mesi, con un lungo decorso in terapia intensiva e poi in reparto. Sarà dimessa a breve e continuerà a essere seguita. Il ritrapianto di un organo abbinato al trapianto di un altro organo è un intervento raro e complesso ma siamo molto fiduciosi vista anche la giovane età della paziente e soprattutto la sua forte fibra e forza di volontà, nutrita anche dal grande amore della famiglia. Il doppio trapianto è stato effettuato circa tre mesi fa ma abbiamo deciso di diffondere la notizia solo nel momento in cui la paziente è pronta per tornare a casa”.