Donare farmaci a chi non può permetterseli: 11 febbraio, Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco

da , il

    Giornata Nazionale Raccolta Farmaco 2012

    I farmaci da banco, quelli vendibili senza ricetta medica e di cui fanno parte tantissimi medicinali comunemente usati da tutti noi, sono certamente utili e necessari per alleviare determinati stati patologici e i malesseri stagionali, ma non tutti se li possono permettere. Come tutti saprete, infatti, parliamo di prodotti che non sono “passati” dal Servizio Sanitario Nazionale, perché non si tratta di farmaci salvavita o specifici, di conseguenza per acquistarli è necessario spendere quanto contrassegnato sulla confezione stessa.

    Insomma, se abbiamo mal di denti, mal di testa, disturbi legati al ciclo mestruale, dolori muscolari, febbre e… la lista è lunga, e non possiamo permetterci il prodotto analgesico, o antinfiammatorio, o lenitivo che ci può risolvere il problema, dobbiamo portare pazienza e tenerci il dolore. Oppure, possiamo usufruire dei farmaci donati nel corso della XII Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco, che sarà il prossimo 11 febbraio, sabato, e alla quale invito caldamente tutti a partecipare.

    Si tratta, semplicemente, di recarsi in una delle 3500 farmacie (sparse in 85 province e 1200 comuni italiani) che lodevolmente aderiscono all’iniziativa della Fondazione Banco Farmaceutico Onlus (FBFO) e che quindi espongono la locandina che pubblicizza l’evento. Qui troverete degli esperti che vi consiglieranno quali farmaci siano particolarmente adatti ad essere donati, perché magari i più utili e richiesti. A chi arriveranno tutti i farmaci raccolti?

    A chi ne ha bisogno, ovvero persone (circa 450mila) in stato di indigenza che usufruiscono dell’assistenza di 1390 Enti convenzionati con il Banco Farmaceutico. Ecco, di seguito, il semplice ed efficace comunicato diramato dalla FBFO per sensibilizzare la popolazione italiana nei confronti dell’iniziativa: “Anche dall’ultimo rapporto Censis emerge come la società italiana stia vivendo un momento drammatico, di grave crisi economica ma non solo.

    Una crisi che tocca tutti, poveri e ricchi, e che sembra minare alla radice le ragioni per cui val la pena continuare a sperare e a costruire: ci si sente sempre più isolati e soli di fronte ai bisogni della vita. Papa Benedetto XVI affrontando il tema della crisi ha detto: È un’esigenza di carità e giustizia che nei momenti difficili coloro che hanno maggiori disponibilità si prendano cura di chi vive in condizioni disagiate.

    L’esperienza di positività e di carità cristiana che viviamo risveglia e sostiene il nostro desiderio e ci permette di proporre a tutti la Giornata di Raccolta del Farmaco. Un gesto semplice di gratuità e condivisione che aiuta i più poveri e che ridesta chi vi partecipa”. Insomma, donate, donate, donate. Per ulteriori informazioni sulla Giornata Nazionale della Raccolta del Farmaco visitate il sito ufficiale della FBFO.