Dolori mestruali: rimedi e quando preoccuparsi

Dolori mestruali: rimedi e quando preoccuparsi
da in Approfondimenti, Disturbi del ciclo mestruale, Ginecologia, In Evidenza, Mestruazioni, Ovulazione, Prevenzione, Terapia per il dolore
Ultimo aggiornamento:

    dolori mestruali preoccupazioni e rimedi

    Dolori mestruali? Nulla di più normale, ne parliamo spesso tra noi donne ed ormai abbiamo anche assimilato il termine medico, ovvero “dismenorrea”. Di fatto però ancora è opinione comune pensare ai dolori mestruali confondendoli esclusivamente con il mal di pancia. In realtà, chi ne soffre sa molto bene a cosa ci riferiamo: ovvero anche a forte cefalea, male ai reni e spesso a stati d’ansia e a blande forme di depressione. Il tutto in forma passeggera, cioè in coincidenza del ciclo ovulatorio.

    Per questo motivo solitamente si tende a sorvolare sui sintomi che possono essere anche fortemente invalidanti: il fatto che siano passeggeri non significa che si sopportino facilmente o che si tratti di dolori leggeri. In generale però è sempre meglio rivolgersi ad un ginecologo per una visita di controllo e per capire quale effettivamente sia la causa che provoca i dolori mestruali in questione. Si parla infatti di dismenorrea primaria quando i dolori arrivano semplicemente a causa del ciclo: accade per lo più nelle adolescenti ed in genere durante le prime mestruazioni. Con l’età o comunque una prima gravidanza, il sintomo tende a scomparire. La cosiddetta dismenorrea secondaria è invece quella che si manifesta dopo una gravidanza o comunque in età adulta. In questo caso la visita ginecologica diventa un obbligo: per escludere patologie pericolose.

    Dolori mestruali: quando preoccuparsi

    Il manifestarsi di dolori mestruali in età adulta-identificabili come tali per la loro ciclicità- può essere sinonimo di una semplice alterazione ormono-fisiologica o di altre patologie dell’utero o dell’ovaio.

    Il dolore pelvico ciclico colpisce fino al 50% delle donne in età fertile e nel 15% dei casi può alterare la vita quotidiana negativamente. Tale sintomo, più evidente sulla pelvi non è solo riconducibile a questa.Tra le cause più frequenti troviamo la Sindrome Premestruale, che inizia anche 7-10 giorni prima dell’arrivo del ciclo; la dismenorrea primaria che come dicevamo si manifesta invece nei primi giorni delle mestruazioni e la secondaria che infine può destare preoccupazioni: può essere causata dalla sindrome dell’ovaio policistico o in taluni casi può nascondere una iniziale endometriosi, ambedue cause di infertilità ed altri disturbi; può significare la presenza di cisti ovariche o fibromi uterini o addirittura di un tumore alle ovaie.

    Dolori mestruali: i rimedi

    Ovviamente con tante diverse cause a provocare i dolori mestruali, i rimedi sono altrettanto numerosi. Nei casi più gravi si deve necessariamente parlare di chirurgia, ma spesso possono servire anche terapie farmacologiche, diverse a seconda dei casi. Una dismenorrea dovuta al ciclo mestruale ad esempio potrebbe essere curabile con una terapia ormonale, ovvero con la pillola anticoncezionale; spesso si può ricorrere ad antidolorifici più o meno specifici (farmaci da banco), oppure ai rimedi naturali. Tra questi, sembra essere particolarmente rilevante l’oligoterapia, ovvero il trattamento a base di sali minerali. Un capitolo importante è quello dell‘integrazione di magnesio in caso di sindrome premestruale. Di seguito potete trovare anche altri approfondimenti.

    Sindrome premestruale: perché viene e con quali sintomi
    Lo sport non allevia i dolori mestruali
    Sindrome premestruale, quando i sintomi sono leggeri

    695

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ApprofondimentiDisturbi del ciclo mestrualeGinecologiaIn EvidenzaMestruazioniOvulazionePrevenzioneTerapia per il dolore

    Speciale Pasqua

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI