Dolore alla mammella e secrezione dal capezzolo: sintomi di tumore al seno?

da , il

    dolore seno tumore sintomi

    Il dolore alla mammella e le secrezioni dal capezzolo sono sintomi di un tumore al seno? Quante volte ci siamo fatte questa domanda? La risposta è: si e no. Mi spiego meglio. Il sintomo rilevante del tumore al seno è al tatto l’individuazione di un nodulo indolore, rivelabile anche con la semplice autopalpazione che ogni donna dovrebbe imparare a fare e praticare. Ovvero il tumore al seno (ricordiamo però che non tutti i noduli al seno sono sinonimi di neoplasia) solitamente non provoca dolore. Anzi, nonostante il dolore al seno sia la causa principale per cui le donne si rivolgono ad uno specialista senologo, possiamo dire con tutta tranquillità che solo il 6% delle donne con questo sintomo, nasconde una forma cancerosa.

    Non pochi inoltre i casi in cui il carcinoma della mammella è del tutto asintomatico: per questo è importante sottoporsi con regolarità agli screening mammografici ed in generale a controlli costanti sin da ragazze. Oltre ai noduli indolore, ciò che deve metterci in allarme sono le secrezioni del capezzolo: possono dipendere da tumori benigni, come ad esempio nel caso dei papillomi intraduttali (escrescenze non cancerose che sporgono nei dotti del latte). Di contro però la secrezione dal capezzolo può anche essere causata da un tumore maligno del tessuto mammario e dunque è importante una valutazione del medico che, oltre ad una visita generale farà analizzare la sostanza che fuoriesce dal seno.

    Un segnale pericoloso è inoltre rappresentato da un’infiammazione della cute del seno (arrossamento e calore). Il più frequente dei casi con questo sintomo riguarda la malattia di Paget del seno, che nasconde purtroppo una forma neoplastica. Anche in questo caso, una pelle squamosa o rossa non è necessariamente un cancro, può trattarsi di un semplice eczema, di una micosi o di un’allergia, magari ad una tintura contenuta nel reggiseno. Certo è che come negli altri casi è importante la valutazione di un medico specialista.

    Dolcetto o scherzetto?