Disturbo Bipolare per Catherine Zeta-Jones

da , il

    disturbo bipolare catherine zeta jones

    Catherine Zeta-Jones è stata ricoverata perché affetta da Disturbo Bipolare di tipo II. E’ stato l’agente della splendida attrice ieri a confermare la voce: si è sottoposta ad un trattamento ospedaliero per questa patologia presso una struttura che si occupa di salute mentale nel Connecticut. Lo stress che la donna ha subito negli ultimi 12 mesi non è stato da poco, basti pensare alla malattia del marito Michael Douglas. E questo l’ha condotta a manifestare i sintomi del disturbo bipolare. Ma in cosa consiste questa malattia?

    Il disturbo bipolare, conosciuto anche come depressione maniacale che comporta episodi in modalità e quantità diverse a seconda dei casi. Nel bipolarismo di tipo 1 ad esempio si parla di mania grave con alterazione costante di personalità contrapposte (esempio da delirio di onnipotenza a depressione profonda che può portare anche al suicidio). Nel caso della Jones si parla di bipolare II o ipomania, ovvero di depressione più o meno lieve per la quale non si evidenziano cambiamenti improvvisi o contrastanti di umore, e comunque non estremi. Durante le ospedalizzazioni si effettuano cure farmacologiche e psicoterapiche, ma soprattutto si allontana il paziente dallo stress quotidiano.

    Una scelta, spiega il manager dell’attrice, che la stessa Catherine ha voluto fare, per potersi poi dedicare con serenità alla sua famiglia oltre che ai prossimi impegni cinematografici. Occorre dire che si è trattato di una scelta importante e coraggiosa anche perché la splendida quarantunenne ha due figli piccoli. Lasciarli sarà stato difficile, ma forse è meglio così, perché quando si vive questo tipo di malessere la famiglia è un importante supporto, ma a volte non riuscire a controllare i sintomi può peggiorare la situazione. In bocca al lupo allora.