NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Dismenorrea primaria e secondaria: cause e rimedi

Dismenorrea primaria e secondaria: cause e rimedi
da in Disturbi del ciclo mestruale, Mestruazioni
Ultimo aggiornamento:

    Dismenorrea cause cura

    Può essere primaria o secondaria, la dismenorrea colpisce una buona fetta della popolazione femminile ed è caratterizzata da un sintomo più evidente e fastidioso di tutti, il dolore intenso e, in alcuni casi insopportabile. Circa il 20/25% delle donne vive le mestruazioni come un vero e proprio incubo, proprio per colpa della dismenorrea e dei sintomi dolorosi che comporta. Ecco di cosa si tratta, quali sono le cause e i rimedi.

    La dismenorrea può essere primaria, cioè non legata ad altre patologie pelviche o disturbi ginecologici, o secondaria. In quest’ultimo caso, la dismenorrea, cioè la condizione caratterizzata da ciclo mestruale particolarmente doloroso spesso accompagnato anche da mestruazioni abbondanti, è solo una delle conseguenze di altre malattie.

    Diversa dalle altre anomalie del ciclo mestruale, come amenorrea & co., la dismenorrea primaria, più o meno severa, può essere la spiacevole conseguenza, nella maggior parte dei casi, di uno squilibrio degli ormoni, che durante il flusso mestruale subiscono veri e propri scossoni. Infatti, durante le mestruazioni, gli estrogeni diminuiscono, mentre il progesterone aumenta notevolmente e in caso di dismenorrea questo squilibrio ormonale è particolarmente accentuato, favorendo la comparsa di alcuni sintomi antipatici, come la ritenzione idrica, il gonfiore, gli sbalzi di umore, il malessere e la nausea.


    Le prostaglandine, sostanze prodotte dall’utero, invece, sono le principali responsabili del dolore addominale: i loro livelli aumentano enormemente nei giorni prima e durante il ciclo, perché hanno il compito di stimolare le contrazioni dell’utero per favorire l’espulsione delle mucose.

    Se la dismenorrea, invece, è secondaria, i forti dolori mestruali sono solo il campanello d’allarme più fastidioso di altre patologie, come l’endometriosi, l’infiammazione delle tube o delle ovaie, fibromi, cisti ovariche o polipi.

    Innanzitutto, meglio premettere che in caso di dismenorrea secondaria è necessario diagnosticare la patologia o l’anomalia all’origine del problema per approntare una cura specifica, farmacologica o chirurgica che sia. Quando, invece, la dismenorrea è primaria, oltre all’universo di alleati farmacologici specifici per tenere sotto controllo il dolore e i fastidi del ciclo mestruale, dagli analgesici agli antidolorifici fino agli antispastici, si può sfruttare la capacità di riequilibrare i livelli ormonali della pillola anticoncezionale.

    Dall’effetto lenitivo e calmante anche alcuni rimedi naturali, come le tisane e i decotti a base di calendula o achillea, e alcune cure omeopatiche, come il magnesio e, in particolare il Magnesium phosphoricum.

    515

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Disturbi del ciclo mestrualeMestruazioni
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI