Disabilità: i governi devono fare di più

da , il

    disabilità oms

    La disabilità colpisce più di un miliardo di persone al mondo, in modo lieve, passeggero permanente o grave: per tutti loro non c’è un adeguato accesso ai servizi generali: la scuola, la formazione professionale, i mezzi pubblici o la strada da percorrere. Per assurdo, anche le loro condizioni di salute generale sono peggiori rispetto a chi non è colpito da disabilità. Il tutto è ancora dominato da stigma e discriminazione. E’ ciò che emerge dal rapporto dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) stilato insieme alla Banca Mondiale, sviluppato con l’ausilio di oltre 380 esperti internazionali.

    Il documento dovrà essere di sprone per tutti i governi affinché si impegnino ad investire in programmi innovativi e specializzati, per promuovere il potenziale delle persone affette da disabilità. Dare loro la possibilità di vivere in autonomia, conseguire una laurea (in Italia una ragazza down recentemente ha coronato questo sogno, ma è l’unica nel nostro Paese!), trovare un lavoro, è un obbligo di ogni società che vuol dirsi civile. Si tratta di rispettare i diritti basilari dei malati.