Dieta e alimentazione: in Italia c’è ancora troppa disinformazione

da , il

    dieta e alimentazione

    In tema di dieta e alimentazione, gli italiani sono ancora troppo disinformati. Se in tanti dichiarano di conoscere i principi di un’alimentazione sana ed equilibrata, solo in pochi possono vantarsi di conoscerli veramente. E la presunzione di sapere è forse più deleteria dell’ignoranza acclamata, perché porta a mangiare troppo senza esserne consapevoli. A rivelarlo è un’indagine dell’Istituto per gli studi sulla pubblica opinione, recentemente coordinata dall’ormai celebre sondaggista Renato Mannheimer.

    La ricerca, che ha coinvolto un campione di oltre 800 concittadini, aveva l’obiettivo di inquadrare l’opionione che gli italiani hanno di loro stessi come consumatori in relazione alle loro reali abitudini alimentari. Il risultato? Troppi italiani sono convinti di mangiare in modo sano ed equilibrato, ma sono davvero pochi quelli che poi mettono in pratica i consigli dei nutrizionisti. In particolare, l’indagine ha rivelato che solo un italiano su quattro conosce la quantità di calorie che deve assumere durante la giornata e sa come ripartirle tra grassi, proteine e carboidrati.

    Secondo Mannheimer, se non siamo ancora diventati il popolo più grasso del mondo, lo dobbiamo soprattutto alla nostra “naturale propensione per un dieta varia e alla giusta convinzione che il modo migliore per nutrirsi sia non rinunciare a nulla e, nello stesso tempo, non esagerare con alcuni cibi”. In altre parole, non riusciamo a rinunciare alle bontà della nostra cucina tradizionale, ma sappiamo darci un contegno e seguire le regole di base della corretta alimentazione. E non è un caso se la maggior parte degli italiani (quasi il 50%) rientra nella categoria dei “compensatori”, che alternano periodi di dieta equilibrata agli stravizi…

    Dolcetto o scherzetto?