Depressione stagionale, come superarla con i cibi del buon umore

da , il

    Depressione stagionale cibi

    L’estate sta finendo (diceva una canzone) e la solita depressione stagionale tipica dell’autunno incombe. Siamo soprattutto noi donne le vittime predestinate di questo curioso fenomeno di sfasamento che si associa proprio al cambio di stagione. La chiamano meteoropatia, in realtà si tratta di un disturbo più complesso, legato ai cambiamenti climatici e alla riduzione progressiva delle ore di luce che influenzano il nostro bioritmo. Malinconia, senso di spossatezza e mancanza di energia fisica, umor nero… depressione, in poche parole. Transitoria, certo, non stiamo parlando di forme depressive gravi, ma comunque riuscire a prevenirla o alleviarne i sintomi sarebbe senza dubbio auspicabile. Noi vi suggeriamo un modo semplice per ritrovare il nostro naturale buon umore: puntando tutto sull’alimentazione.

    Perché anche se ci comunica tristezza, con le sue giornate uggiose, le sere sempre più corte e l’aria che rinfresca, in realtà l’autunno è una stagione ricca di suggestioni, e soprattutto generosa di ottimi frutti della natura. Il sito di Melarossa, a tal proposito stila un elenco di alimenti di stagione, che, quindi, potete trovare sui banchi del mercato proprio da ora in avanti, utili per farci sentire in piena sintonia con noi stessi. Naturalmente si tratta prevalentemente di frutta e verdura, ortaggi e prodotti che maturano in questo periodo e che ci possono fornire una bella sferzata di benessere e di ottimismo.

    Uva

    L’uva (energetica grazie al suo tasso zuccherino, con 70 calorie per 100 g), è un ricostituente naturale usato da sempre. Bella da vedere e ottima da gustare sia in purezza che sotto forma di succo, o di marmellate, questo frutto mediterraneo è ricco di antiossidanti (come il noto resveratrolo, presente nella buccia) e di vitamine. Mangiarne ogni tanto un grappolino ci aiuta a sentirci in forma e felici.

    Pere

    Le pere hanno proprietà antiossidanti e tante fibre per aiutare l’intestino pigro. Hanno poche calorie (35 per 100 grammi), stimolano la digestione, ripuliscono le arterie dal colesterolo e con il loro gusto dolce e la ricchezza di acqua sono una carezza per il palato e per lo stomaco.

    Agrumi

    Gliagrumi sono eccellenti per proteggerci dai malanni stagionali, grazie al contenuto in vitamina C, sono dietetici e mettono allegria solo al vederli. Ottimi da mangiare per uno spuntino, da usare per spremute fresche o da inserire in golose insalate di stagione.

    Cacao

    Ilcacao ha proprietà drenanti e diuretiche, e sicuramente è un ottimo vettore di buon umore. Mangiare un quadratino di buon cioccolato fondente ogni giorno, come spuntino, ci aiuterà a sorridere e a sentirci anche più vitali.

    Mele

    Le mele sono ricche di qualunque virtù per poche calorie, assolutamente indispensabili nella dieta! Si possono mangiare in qualunque momento, saziano, addolciscono palato e cuore, fanno sentire appagati.

    Verdure a foglia verde

    I vegetali a foglia verde hanno proprietà anti cancro, sono ricchissimi di antiossidanti e minerali come potassio, calcio, ferro e magnesio, che ci aiutano a mantenerci sani e pieni di energia, mentalmente scattanti e infine favoriscono il sonno. Insomma, mai farli mancare in tavola.

    Cavoli e crucifere

    I cavoli e le crucifere, tra cui i broccoli, hanno proprietà anti cancro e antinfiammatorie), e il loro effetto benefico sulla psiche è noto.

    Zucca

    La zucca è povera di calorie ma ricchissima di minerali e di beta-carotene, protegge il cuore e… mette una grande allegria!

    Legumi

    I legumi (fagioli, ceci, lenticchie, cicerchie eccetera) contengono carboidrati, proteine e amidi. Hanno un basso indice glicemico, saziano, sono ottimi per arricchire zuppe e minestre e oltre a nutrirci ci mantengono in buon equilibrio psico-fisico.

    Radicchio

    Ilradicchio possiede proprietà depurative e protettive delle ossa, è disintossicante e per ritrovare energia e buon umore è sicuramente ideale.

    Dolcetto o scherzetto?