Depressione: la natura aiuta a combatterla

da , il

    natura fa bene alla mente

    La natura è una preziosa alleata contro la depressione. A sostenerlo sono un gruppo di ricercatori dell’Università dell’Illinois coordinati da Frances Ming Kuo. Gli esperti, infatti, hanno passato in rassegna i dati di diversi studi realizzati in precedenza per capire la portata della vita all’aria aperta sul benessere fisico e mentale ed è emerso come la natura sia una componente essenziale per vincere la depressione, e soprattutto per migliorare la propria salute.

    Gli studiosi, mossi dal desiderio di capire se la natura possa avere un effetto positivo per il corpo e per la mente ha analizzato gli studi condotti in questi ultimi 20 anni. In questo modo, hanno scoperto come la frequentazione degli spazi verdi migliori le funzioni cognitive, l’auto-disciplina e aiuti a controllare gli impulsi, con ricadute positive anche sulla salute mentale, al contrario, la non frequentazione di ambienti naturali è collegata a deficit di attenzione, iperattività e a più alti tassi d’ansia e di depressione.

    Inoltre, è emerso che gli spazi circondati da alberi e da erba favoriscono il recupero fisico e psicologico post-operatorio, rafforzano il sistema immunitario, mentre gli ambienti meno verdi sono associati a percentuali più alte di malattie cardiovascolari, maggiori tassi di obesità infantile e ad una più alta incidenza di mortalità.

    Se tutto questo non bastasse, in ambienti poco verdi i ricercatori hanno riscontrato anche tassi più elevati di aggressività e violenza. Come conclude Kuo:

    Chi vive a contatto con la natura è più generoso e socievole. Percepisce maggiormente i legami di vicinato, sente un più forte senso di comunità e di fiducia reciproca ed è più disponibile ad aiutare gli altri.

    Care amiche di Salute Pour Femme, chi di noi non desidererebbe vivere in una bella casetta in campagna, con tanto di giardino, compreso il cane? Si può dire, che da oggi abbiamo un motivo in più per scappare dalla città!

    Dolcetto o scherzetto?