Cuore: un aiuto dal mandarino

da , il

    mandarini antinfiammatori

    Lo sapevate che il mandarino è un prezioso alleato del cuore? Ma c’è di più, è utile anche contro il diabete, e l’obesità. La notizia, arriva da una ricerca condotta dall’Università del Western Ontario, in Canada, pubblicata sulla rivista “Diabetes”. Il merito, sarebbe tutto di una particolare sostanza contenuta nella buccia del tangerino, un ibrido del mandarino con l’arancio. I ricercatori, infatti, hanno individuato una sostanza antiossidante, che rende il mandarino un antinfiammatorio naturale.

    La sostanza antiossidante di cui il mandarino è particolarmente ricco, si chiama nobitelina, ed è il flavonoide responsabile del colore arancio caratteristico di questo agrume. Gli studiosi, infatti, hanno scoperto nella buccia dei mandarini, una concentrazione 10 volte superiore ad un altro flavonoide presente in grandi quantità nel pompelmo, la naringenina, studiata dalla stesso gruppo di ricerca.

    I mandarini, oltre al controllo degli zuccheri, fanno bene anche alla linea. I ricercatori, infatti, hanno condotto un test su topi da laboratorio, nutriti con una dieta ad alto potere energetico. Dai risultati, è emerso come il gruppo che aveva assunto un significativo supplemento di nobitelina non fosse ingrassato rispetto al gruppo di controllo, inoltre, non ha mostrato aumenti sensibili di colesterolo nel sangue.

    Come affermano gli studiosi, la ricerca riveste un ruolo importante, aprendo ampi spazi per tradurre i risultati ottenuti in cure per la prevenzione dell’arteriosclerosi, evitando così l’indurimento delle arterie, infarti e ictus.

    Dunque, care amiche di Salute pour Femme, lunga vita ai mandarini, anche se oramai non sono più un frutto di stagione. In alternativa, si può sempre optare per il pompelmo, ricco di fibre e di vitamine A, B, e C, consigliato anche nelle diete ipocaloriche per la sua capacità di assorbire i grassi.

    Dolcetto o scherzetto?