Cristalloterapia: Chakra Svadhisthana e cristalli arancioni

da , il

    Oggi affrontiamo un argomento nuovo quì su Salute Pour Femme, parliamo di Cristalloterapia, una medicina alternativa sempre più usata nel mondo ed anche da noi in Italia. Io devo ammettere di non esserci mai ricorsa ma sono molto incuriosita e ben disposta, credo molto nei rimedi naturali e non invasivi come aiuto per le patologie soft, ma mai come sostituti assoluti per la medicina tradizionale. Ovviamente per me è impossibile pensare di guarire i tumori con i cristalli ma di certo, per tante altre cose, possono essere molto utili, l’importante è avere la mente aperta, sempre ed in tutte le direzioni.

    Nella cristalloterapia il chakra svadhisthana è sinonimo di dolcezza, si trova sopra l’ombelico ed è quello che prenderemo in esame quest’oggi. Il chakra svadhisthana riflette l’intuito, la sessualità femminile e legami affettivi forti, come quello con la figura materna, ed è racchiuso nell’arancione, quindi nei cristalli in color arancio.

    Ecco dei cristalli per il chakra svadhisthana:

    • Aragonite: è considerata la pietra dell’autonomia, serve per rompere i legami di dipendenza, sia familiari, sia amorosi, che impediscono di spiccare il volo. E’ la pietra giusta per liberarci di chi ci tarpa le ali e ci condiziona in modo negativo.
    • Calcite arancione: serve per ritrovare la tranquillità dopo uno shock o un trauma. a livello medico però ha anche la funzione di attenuare le coliche intestinali e i gonfiori addominali in chi è predisposto, ottimo quindi per chi vuole la pancia piatta!
    • Ambra: elimina i dolori che derivano da infiammazione (è usata per eliminare il dolore nella fase di crescita dei denti dei bambini piccoli).

    Foto da:

    www.forumlive.net www.gc.maricopa.edu www.rocksforkids.com www.peacefulmind.com www.altmedicinezone.com lisatarves.com www.peacefulmind.com www.ragdalehall.co.uk

    Dolcetto o scherzetto?