Crampi allo stomaco: tutte le cause e i rimedi

da , il

    Crampi allo stomaco

    Può essere solo questione di stress o ansia, ma possono anche essere il sintomo fastidioso di una patologia più seria: i crampi allo stomaco sono un’eventualità più frequente del previsto non necessariamente indice di fame. Sono numerosi i possibili colpevoli in caso di crampi allo stomaco, dall’alimentazione scorretta, alla gravidanza, ecco tutte, o quasi, le cause e i relativi rimedi.

    Le eventualità meno preoccupanti sono quelle legate alla fame, allo stress e all’ansia. Nel primo caso, la causa è facilmente intuibile perché i crampi si presentano solo a stomaco vuoto, prima o lontano dai pasti, di mattina o durante il giorno. In periodi di particolare tensione psicologia ed emotiva, invece, è plausibile che gli effetti di stress e ansia si manifestino su stomaco e intestino, provocando malessere, irregolarità intestinale e crampi addominali, più o meno frequenti.

    La colpa può essere anche della cattiva (pessima, in certi casi) alimentazione, così come dell’ingestione di quantità eccessiva di cibo, che provoca un rallentamento delle funzioni digestive. Da imputare la scarsa assunzione di fibre e di acqua, ma anche l’abitudine, soprattutto la sera, di mangiare troppo e troppo velocemente: in questo modo non si facilità il transito gastrointestinale, anzi.

    La gastrite può manifestarsi, oltre che con nausea e bruciori nella parte superiore sinistra dell’addome, anche con crampi allo stomaco. Si tratta dell’infiammazione dello stomaco, che ne causa lo svuotamento ritardato. Il consiglio è di rivolgersi al gastroenterologo, per sottoporsi a tutti gli esami del caso, iniziare una terapia, se necessario, a base di farmaci antiacidi e modificare, su consiglio dello specialista, il regime alimentare.

    Dito puntato anche contro l’ulcera, che può essere gastrica, caratterizzata da una lesione alla mucosa dello stomaco e da dolore bruciante e trafittivo subito dopo i pasti, o duodenale, che interessa la prima parte dell’intestino. In questi casi, dopo la visita dal gastroenterologo e gli esami specifici, identificata la causa, che spesso è l’Helicobacter pylori, lo specialista prescrive una terapia a base di farmaci antibiotici.

    L’irregolarità intestinale, legata alla diarrea, alla stitichezza, o alla sindrome del colon irritabile può scatenare i crampi allo stomaco. Nei primi due casi, meglio modificare l’alimentazione prima di assumere farmaci specifici, soprattutto se sono episodi isolati. Se il problema, invece, è il disturbo che causa l’alterazione della motilità del colon, la dieta può essere associata a farmaci sintomatici per alleviare i fastidi.

    Anche infezioni, influenze gastrointestinali o intossicazioni alimentari, oltre ai sintomi più classici, come nausea, vomito e diarrea, possono provocare anche crampi allo stomaco. In questo caso, va individuata e curata, con i rimedi farmacologici specifici o con le accortezze alimentari adeguate, la causa scatenante.

    Dolcetto o scherzetto?