Cosa comporta l’utero retroverso e come avere una gravidanza

Utero retroverso gravidanza

Oggi parliamo di utero retroverso, un argomento che genera sempre un po’ di confusione. Si tratta di una caratteristica anatomica molto diffusa, che a causa delle definizione sembra una cosa abbastanza spaventosa, in realtà non si tratta di un problema grave, e neppure di una patologia. Forse i quesiti e le paure collegate all’utero retroverso (come il non poter concepire o portare avanti felicemente una gravidanza) dipendono dal fatto che in passato si tendeva a far assumere a questo difetto, o meglio particolarità anatomica, un’importanza molto maggiore come causa di infertilità femminile, addirittura arrivando a correggere la posizione di questo organo femminile chirurgicamente.

Oggi le cose stanno ben diversamente. Ma vediamo, intanto, di definire cos’è e come si presenta un utero retroverso.

Utero retroverso: cos’è e quali sono le cause

La retroversione dell’utero è semplicemente un posizionamento diverso di questo organo mobile (ricordiamolo) rispetto al suo assetto naturale. Nello specifico, quest’anomalia porta l’utero a trovarsi inclinato non verso l’addome, bensì adagiato verso la colonna vertebrale o, in casi meno frequenti, a formare un angolo aperto verso la cavità sacrale. In questo secondo caso si definisce utero retroflesso. Le cause sono di due tipi: congenita (si nasce così) e acquisita. Nel secondo caso, la retroversione dell’utero può essere determinata da fattori come gravidanze difficili, aborti o infiammazione della zona pelvica e dell’utero stesso, endometriosi, raramente tumori.

Utero retroverso: diagnosi e sintomi

Un utero retroverso si diagnostica facilmente attraverso una semplice ecografia pelvica, per quanto riguarda i sintomi, in pratica non ne esistono di specifici. Tenete presente che si tratta di un’anomalia che interessa una percentuale molto alta di donne, la maggior parte delle quali ha una vita sessuale normalissima, concepisce e partorisce figli sani e quindi non si pone minimamente il problema. In caso di posizione retroversa in modo accentuato, possono verificarsi mestruazioni dolorose, perdite di muco cervicale tra un ciclo e l’altro, senso di tensione addominale, dolore durante i rapporti sessuali.

Utero retroverso: cure

L’utero retroverso, di norma non si cura, si lascia così com’è. In passato si tentava di riposizionare correttamente l’utero tramite manovre ginecologiche o per via chirurgica, mentre oggi si tende a non intervenire, a meno che la posizione non sia tale da creare grossi disagi alla donna, caso in cui si introduce un pessario per tenere in asse l’utero e la vagina, ma la maggior parte dei ginecologi è contraria a qualunque tipo di intervento correttivo.

Utero retroverso: concepimento e gravidanza

In linea generale l’utero retroverso non crea problemi in gravidanza, anche perché, essendo un organo mobile, la sua collocazione cambia con l’aumento del volume, man mano che cresce il feto. Per quanto riguarda il concepimento, le teorie sono un po’ controverse. Diciamo che la natura ha creato l’utero femminile inclinato verso l’addome per agevolare la risalita degli spermatozoi dalla vagina. Tuttavia, non sembra che la retroversione metta così tanto i bastoni tra le ruote ad una donna che desideri un figlio a patto, naturalmente, che le tube siano aperte e che non esistano altri problemi concomitanti. Il nostro consiglio è quello di effettuare una visita accurata dal vostro ginecologo. Sarà lui a dirvi quel è, esattamente, la vostra fotografia anatomica (che varia, ricordiamolo, da donna a donna) e valutare se ci possano essere delle difficoltà o meno.

Se vi interessa conoscere altri approfondimenti su problemi, disturbi e malattie che possono colpire l’utero, potete leggere i seguenti post:
Papilloma virus e tumore dell’utero: il vaccino funziona
Tumore all’utero: Emma Marrone lo ha sconfitto
Donare l’utero ad una figlia: accade in Svezia
Il tumore all’utero si può sconfiggere, parola di Umberto Veronesi
Tumore all’utero: al via la strategia europea per combatterlo

Segui Pour Femme
Leggi altro su:

Venerdì 24/06/2011 da in

Commenti (30)

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Mary 23 settembre 2011 11:59

Finalmente un articolo chiaro su questo tema

Rispondi Segnala abuso
Lulla 23 settembre 2011 12:00

deve essere proprio un grave problema. Quali sono i sintomi precisi? al momento non ho provato ancora a restare incinta quindi non so se ho questo problema. Dovrei fare un’ecografia per accertarmi di non avere un utero retroverso?
grazie

Rispondi Segnala abuso
Fammy 23 settembre 2011 12:01

grazie per le info…approfondirò dal medico, ma ho voluto farmi un’idea più specifica della questione…speriamo bene!

Rispondi Segnala abuso
Manu 23 settembre 2011 12:03

articolo molto preciso, ragazze fate i controlli ogni anno, è importantissimo!

Rispondi Segnala abuso
Angie 23 settembre 2011 13:09

Io ho questo problema. Andando dalla ginecologa e chiedendo nello specifico se questo può apportare dei problemi in un’eventuale gravidanza, mi ha detto che la madre ha concepito ben 6 figli con un utero di questi tipo. Quindi, state tranquille! ;P

Rispondi Segnala abuso
Rosy 13 giugno 2012 12:33

ho saputo di avere l utero retroverso quando ero incinta al primo figlio nn mi ha creato mai problemi,xò informandomi su quello ke puo portare ho visto che si puo aver dolore nei rapporti,e a me capita da sempre cosa potrei fare per capire meglio?

Segnala abuso
Camy 23 settembre 2011 14:41

Finalmente delle informazioni chiare e precise, senza allarmismi inutili, su un problema che riguarda molte donne!

Rispondi Segnala abuso
Maria 23 settembre 2011 16:14

ciao ragazze state tranquille io ce l’ho e ho avuto 2 figlie senza alcun problema!

Rispondi Segnala abuso
Pippa 23 settembre 2011 17:16

Purtroppo leggere queste cose mette sempre troppa tristezza…

Rispondi Segnala abuso
Giodi 24 settembre 2011 23:20

Grazie per le informazioni!!!!

Rispondi Segnala abuso
Sandy 26 settembre 2011 15:07

Mi sto preoccupando seriamente, credo sia il caso di fare un controllo medico al più presto! ci tengo troppo ad avere un bambini e non voglio rischiare!

Rispondi Segnala abuso
Alfonso 27 giugno 2014 06:43

Salve a tutti mi chiamo alfonso e cio 22 anni mia moglie e alla sua prima gravidanza e mentre faceva un eco il suo gine dice che aveva l’utero retroverso e pero era incinta anche di 4 settimane ora mia moglie e di 4 mesi percio e tutte voi non vi scorragiate anche se lo avete non e un problema ad avere figli percio state calme vi saluto in bocca al lupooo??

Segnala abuso
Tiziana 26 settembre 2011 15:08

Che brutta patologia. Per fortuna la scienza ci sta abituando a passi da gigante…

Rispondi Segnala abuso
Serena 26 settembre 2011 18:01

ciao ma sinceramente non credo che questa “patologia” comporti dei rischi di infertilità!!!

Rispondi Segnala abuso
Sity 27 settembre 2011 09:57

l’utero retroverso è un problema molto diffuso, ma non disperate, anzi!è possibile avere figli senza problemi almeno anche io ho partorito senza problemi, grazie a dei medici bravissimi!

Rispondi Segnala abuso
Selene 27 settembre 2011 10:52

che paura, io non idea di come sia il mio utero devo assolutamente chiamare la ginecologa!

Rispondi Segnala abuso
Lavinia 27 settembre 2011 11:00

riuscire a avere esiti positivi con il concepimento nonostante una patologia così delicata come l’utero retroverso è un grande successo per una donna!!

Rispondi Segnala abuso
Terry 28 settembre 2011 17:37

ok, niente paura ragazze. Io sono riuscita a restare incinta nonostante questa brutta patologia e adesso ho un bimbo meraviglioso!

Rispondi Segnala abuso
Chiocciolina 28 settembre 2011 17:48

ragazze niente panico, esistono tantissime leggende metropolitane sull’utero retroverso. questo articolo è ben fatto e senza inutili allarmismi! la patologia è molto diffusa e non fidatevi dei consigli che trovare nelle varie faq diffuse nel web!!

Rispondi Segnala abuso
Rosa 28 settembre 2011 17:55

Mia nonna ce l’ha, mia madre ce l’ha nessuno ha avuto problemi tranquille!

Rispondi Segnala abuso
Steffy 28 settembre 2011 17:58

Si confermo quanto dice Terry! Una mia amica ha l’utero retroverso e ha partorito tranquillamente, quindi ragazze non allarmatevi!

Rispondi Segnala abuso
Sonia 29 settembre 2011 13:05

é bello leggere che anche con un problema simile si possa comunque portare a termine una gravidanza!

Segnala abuso
Fragolamara 29 settembre 2011 17:11

ragazze ma smettiamola, siamo nel 2012 ormai è inutile imparanoiarsi senza motivo. la cosa più difficile e importante è amarSI, se tutte lo facessimo saremmo meno insicure.

Rispondi Segnala abuso
Nina 30 settembre 2011 11:31

grazie per le info!!!

Rispondi Segnala abuso
A. 13 aprile 2012 15:29

Anche io ho utero retrovero, ma nessuno ha mai parlato di patologia! è solo una conformazione diversa nn una malattia!!! mia mamma ce l’ha retroverso e ha avuto me e mia sorella! A.

Segnala abuso
Maria 11 giugno 2012 21:47

avevo l’utero retroverso. ho avuto una gravidanza e ora sono mamma del bellissimo Leonardo. ho partorito col cesareo e l’utero si è sistemato da sé. a distanza di tempo però quando ho rapporti…non ho sensibilita all’interno… mi chiedo se il mio partner abbia il membro completamente eccitato oppure no…qualcuno può aiutarmi x favore? grazie a tutti

Rispondi Segnala abuso
Laura 20 giugno 2012 22:28

non centra nulla!!!!!!!!! ho scoperto oggi di avere l ‘ utero retroverso nell’ undicesima settimana di gestazione….la ginecologa mi ha detto di non allarmarmi…e in piu’ sono rimasta incinta ignara di questa anomalia e in piu’ prendendo la pillola!

Rispondi Segnala abuso
Ismy 24 giugno 2012 07:34

anche io ho l’utero retroverso, e ho una bellissima bambina partorita in modo naturale!
non è una malattia ;-) ) e tantomeno un problema!!!!!!!

Rispondi Segnala abuso
Ioana_novac@yahoo.com 24 settembre 2013 18:19

sono 3 anni che provo ad rimanere incinta …… e dire la verita nn sono mai riuscita…. ed ho il utero rtroverso :( :(

Segnala abuso
Maria 18 aprile 2014 23:24

ANCHE IO HO QUESTO PROBLEMA, HO UN FIGLIO DI 13 ANNI , STAVO SEMPRE BENE ,MA DA UN PO DI TEMPO HO DOLORE MENTRE HO RAPORTI SESSO. DA TANTA NOIA.

Rispondi Segnala abuso
Scopri PourFemme
torna su