Contro le infezioni intestinali, anche quelle da batterio killer, un aiuto arriva dal coriandolo

da , il

    Coriandolo batterio killer

    Ecco una notizia davvero utile: contro i batteri, incluso quello “killer”, che ci causano temibili infezioni intestinali, una spezia nota fin dall’antichità come il coriandolo si è rivelata estremamente efficace. In pratica, l’olio essenziale di coriandolo ad uso alimentare è uno splendido antibiotico naturale, in grado di mettere ko alcuni tra gli agenti patogeni che più comunemente minacciano la nostra salute e che possono trovarsi in alcuni cibi, come le verdure crude, ad esempio, o le uova, ad esempio la Salmonella enterica e l’Escherichia Coli, quest’ultimo responsabile dell’epidemia che ha causato la morte di 50 persone nella sola Germania durante la primavera scorsa, come ricorderete.

    Una ricerca portoghese, condotta dai ricercatori dell’Università di Beira Interior e basata sulla sperimentazione degli effetti dell’olio essenziale di coriandolo su diversi ceppi batterici, ha scoperto che su 12 di questi era sufficiente una soluzione minima, contenente appena 1,6% di estratto di coriandolo, per “far fuori” i germi infettivi.

    Commenta Fernanda Domingues, che ha coordinato lo studio portoghese: “I risultati indicano che l’olio di coriandolo danneggia la membrana che circonda le cellule batteriche. Questo interrompe la barriera tra la cella e il suo ambiente e inibisce processi essenziali tra cui la respirazione, che alla fine porta alla morte della cellula batterica”.

    Il coriandolo, quindi, spezia usata in cucina di solito per insaporire cibi, tra cui carni e pesci, non solo aiuta a conservarli meglio, ma anche ad eliminare i microrganismi che possono infettarci, creandoci disturbi anche molto gravi. Per chi non conoscesse questa pianta erbacea tipicamente mediterranea, vi basti sapere che se ne usano sia le foglie che i piccoli frutti, dotati di un gusto simile al limone, molto gradevole, e che l’olio essenziale lo potrete trovare in erboristeria ed è noto per le sue proprietà digestive e rilassanti.