Contro il mal di testa utili le lenti da sole blu

da , il

    Mal di testa lenti blu

    Se soffrite frequentemente di attacchi di mal di testa, e la luce del sole esacerba il vostro dolore, allora un modo semplice per trovare un po’ di sollievo è quello di adoperare occhiali da sole le cui lenti siano di colore blu. In particolare, come sostengono i ricercatori dell’Institute of Optometry di Londra, la barriera blu offerta dalle lenti, sarebbe efficace nel proteggere dalla cosiddetta “emicrania visiva”, quella, cioè, scatenata dalle luci violente (anche artificiali), magari lampeggianti o intermittenti. Questo genere di stimolazione ottica, infatti, produce nel nostro cervello un aumento abnorme dell’attività neuronale, su cui proprio il colore blu avrebbe un effetto sedativo e normalizzante.

    A tal proposito, un recente studio USA, condotto dai medici dell’Università del Michigan, ha proprio dimostrato tale efficacia sul cervello umano. Dopo aver sollecitato il mal di testa in un campione di persone predisposte a questo problema, sottoponendoli alla visione di immagini colorate altamente contrastanti e luci violente, gli scienziati hanno osservato che nel 70% dei casi bastavano proprio un paio di lenti blu per dar loro sollievo.

    “Alla base delle lenti da sole blu c’è la colorimetria, una scienza che si occupa delle reazioni del cervello alla percezione dei colori. In medicina è già utilizzata per aiutare le persone colpite da epilessia e dislessia. Con quest’ultima patologia i filtri colorati hanno dimostrato di migliorare le prestazioni di lettura”, ha infatti spiegato il dott. Bruce Evans, dell’Institute of Optometry londinese.

    Come intuibile, poiché, effettivamente, la luce blu ha questo incredibile potere calmante (io stessa ho scelto delle lampadine di questo colore per la lampada da lettura), perché non optare, nel momento in cui andiamo ad acquistare un paio di nuovi occhiali da sole, proprio per un modello che offra lenti di questa (bellissima) tonalità? Fashion e… senza mal di testa!

    Dolcetto o scherzetto?