Contro il batterio E. Coli è importante cuocere bene le verdure!

da , il

    Batterio E.Coli cuocere verdure

    In questi giorni, per via delle infezioni da E. Coli, il batterio intestinale responsabile di aver provocato l’epidemia di sindrome emolitico-uremica che ha ucciso 38 persone in Germania e contagiato migliaia in Europa, si parla molto di sicurezza alimentare. A creare ulteriore allarme, anche la più recente (è di qualche giorno fa) infezione simile a quella tedesca che ha colpito sette bambini in Francia. Per quanto riguarda la prima epidemia, come è stato ribadito abbondantemente, la fonte originaria del batterio infettivo parrebbe essere stata individuata nei germogli di legumi consumati crudi.

    Quanto all’infezione francese, tutti i bambini intossicati avevano consumato hamburger dell’azienda alimentare Steaks Country, distribuita dalla catena di hard discount Lidl. E’ doveroso, a questo punto, affrontare un discorso relativo al consumo degli alimenti incriminati, e a come proteggersi dall’Escherichia Coli, a ma anche da altri batteri e microbi (come la Salmonella) senza per questo dover rinunciare a consumare carne o verdure fresche. Come ci si deve regolare?

    Innanzi tutto, bisogna evitare panico e psicosi assolutamente ingiustificate: soprattutto in Italia, i controlli alimentari sono accuratissimi e i prodotti che troviamo nei banchi dei supermercati sono sicuri. Tuttavia, spetta soprattutto a noi prevenire eventuali infezioni e gastroenteriti, e il modo per farlo è seguire qualche consiglio facile facile.

    Come forse avrete già letto da qualche parte, il batterio E. Coli non resiste alle alte temperature, motivo per cui è bene cuocere sia la carne, che le verdure (soprattutto ortaggi e legumi) per almeno 7-8 minuti a minimo 70°. La verdura cruda va lavata alla perfezione con acqua corrente e poi disinfettata con bicarbonato, accorgimenti che diventano assolutamente un obbligo quando in casa ci sono bambini o donne in gravidanza.

    Ancora, meglio sbucciare la frutta e alcune verdure, come i cetrioli, ad esempio. Quando cuocete i cibi che non dovete consumare subito, ricordate di mettere il tegame in frigo non appena la pietanza è intiepidita (in estate i cibi cotti non devono stare fuori dal frigorifero per più di un’ora). Non riponete vicini alimenti lavati e non, non scongelate carni, pesci o altro fuori dal frigo (specie in estate).

    Se non vi fidate delle verdure fresche, usate quelle surgelate, il freddo uccide anch’esso i batteri, al pari del caldo. L’igiene personale è fondamentale. Lavatevi sempre le mani prima e dopo aver manipolato i cibi crudi e cercate di rifornirvi sempre in negozi e supermercati sicuri. Per il resto, non rinunciate a nulla, l’essenziale è seguire qualche regoletta, per togliervi il pensiero!