NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Contraccezione: presentato il dispositivo ormonale che dura 3 anni

Contraccezione: presentato il dispositivo ormonale che dura 3 anni
da in Contraccezione, Farmaci, Fertilità, Ormoni, Ovulazione, Pillola Anticoncezionale, Primo Piano, Sessualità
Ultimo aggiornamento:

    contraccezione dispositivo triennale

    Novità importante sul fronte contraccezione: è stato appena presentato il nuovo dispositivo ormonale sottocutaneo, che una volta inserito sarà efficace per 3 anni. Insomma, una donna in età fertile che non desideri metter su famiglia in tempi brevi, può farsi posizionare il contraccettivo nel braccio e… scordarsi di averlo, almeno per un triennio. Il nuovo sistema anticoncezionale è costituito da un bastoncino lungo 4 cm e largo 2 mm, che viene posizionato proprio sotto la cute dal proprio ginecologo. A spiegarci come funziona è la dott.ssa Chiara Benedetto, docente di Ginecologia presso l’Università di Torino:

    “Questo contraccettivo è a base di etonogestrel, un metabolita attivo del desogestrel, un progestinico. I vantaggi sono molteplici. Non contiene infatti estrogeni e può quindi essere utilizzato anche da donne che presentano controindicazioni al loro uso”. Per quanto riguarda l’efficacia, la dott.ssa rassicura: “Il progestinico viene rilasciato a piccolissime dosi in modo continuo e costante per un periodo di tre anni. Entra direttamente nel circolo periferico andando a bloccare a livello centrale il rilascio degli ormoni che inducono l’ovulazione, quindi, arresta a livello ovarico la maturazione dei follicoli: in pratica, l’ovulazione non avviene”.

    Soprattutto positivo è il fatto che questo dispositivo ormonale non deve essere assunto ogni giorno come la comune pillola, e quindi non si rischia una dimenticanza. “Cosa questa – sottolinea la docente – che accade almeno una volta al mese a 8 donne su 10. Se comunque la donna cambia idea e vuol farsi togliere il contraccettivo, può farlo in qualsiasi momento dal ginecologo, che lo rimuoverà con una lieve anestesia locale”. Nessun effetto collaterale, vi domanderete voi? A quanto pare no, anche se, per circa 3 donne su dieci, l’utilizzo del “bastoncino” influisce sulla regolarità del ciclo mestruale, interrompendolo o alterandone la frequenza.

    Tuttavia, se ciò dovesse accadere, non sarebbe un problema, perché anche qualora le mestruazioni scomparissero del tutto, il contraccettivo sarebbe comunque funzionante ed efficace. Ovviamente, sono sicura che non sia necessario ribadire che questo metodo anticoncezionale, così come la pillola o la spirale, non ci proteggono dalle malattie e dalle infezioni a trasmissione sessuale. Comunque sia, a tutte le fanciulle che siano interessate a questo comodissimo sistema contraccettivo sottocutaneo, non resta che prendere appuntamento dal ginecologo e chiedere tutte le delucidazioni del caso.

    451

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ContraccezioneFarmaciFertilitàOrmoniOvulazionePillola AnticoncezionalePrimo PianoSessualità
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI