Contraccezione: la metà delle donne italiane non ne fa uso

da , il

    Contraccezione donne

    Contraccezione, questa sconosciuta? Parrebbe proprio di sì, e la cosa non può non stupire, nel 2011. Secondo un’indagine condotta GFK Eurisko e resa nota in occasione della presentazione del nuovo dispositivo anticoncezionale sottocutaneo, la metà delle donne italiane con una vita sessuale attiva non adotta alcun sistema contraccettivo. Per giungere a questi sconcertanti risultati, i ricercatori hanno indagato presso un campione di popolazione femminile in età fertile, naturalmente, compreso tra i 15 e i 49 anni.

    Ebbene, sentite un po’ le diverse percentuali: il 21% delle donne campionate fa uso di metodi anticoncezionali a base ormonale (pillola, anello o cerotto), mentre un altro 20% utilizza gli altri sistemi, tra i quali i più “gettonanti” sono risultati essere il preservativo (maschile), coito interrotto e i metodi naturali basati sul conteggio dei giorni fertili. Metodi, questi ultimi, davvero poco affidabili, come sappiamo.

    Sempre spulciando i dati dell’indagine, si può leggere che del 75% di donne tra i 18 e i 45 anni che hanno avuto rapporti sessuali nell’ultimo mese, un quarto ha usato contraccettivi ormonali (soprattutto la pillola), il 20% non ha usato precauzioni perché in cerca di una gravidanza, ma un restante 20% non si è protetta in alcun modo, pur non desiderando un figlio.

    Senza contare, naturalmente, quanto sia indispensabile proteggersi da eventuali malattie a trasmissione sessuale, specialmente quando non si ha un partner regolare. Che si può commentare… prudenza e prevenzione sono le armi vincenti che una donna può e deve usare per vivere in modo consapevole e sicuro la propria sessualità.

    Il che passa anche per la contraccezione, dal momento che sappiamo quanto sia importante, specie per le giovanissime che cominciano ad avere una vita sessuale attiva, prendersi cura si sé proteggendosi anche da eventuali gravidanze indesiderate che metterebbero poi davanti a scelte molto complesse e dolorose. A volte il destino sceglie per noi, questo è vero, ma per quel poco o tanto che possiamo gestire da sole… facciamolo!