Contraccezione e prevenzione di malattie sessualmente trasmissibili? I teenagers italiani le ignorano

da , il

    Contraccezione teenagers italiani

    Contraccezione questa sconosciuta, pericoli derivanti dalla trasmissione di malattie veneree, HIV e HPV sventatamente sottovalutati. Una sessualità consapevole, per i teenagers italiani pare proprio un’utopia. Il quadro è poco confortante, e proviene dai dati di un’indagine condotta dalla Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO), che sono stati resi noti in occasione della presentazione di un opuscolo – “Il patentino del sesso sicuro” – che la SIGO intende distribuire nelle scuole e nei consultori, allo scopo di: “rendere più fruibile l’educazione sessuale ed offrire agli studenti un immediato e quantificabile riscontro delle proprie competenze”.

    Infatti il patentino è un’agile guida corredata di quiz, grazie ai quali i ragazzi potranno verificare la proprie conoscenze della sessualità e dei rischi connessi. Si tratta di un’iniziativa lodevole e assai utile, perché stando ai dati della ricerca i teenagers fanno tanto l’amore (e questa è un’ottima cosa), ma lo fanno in modo estremamente imprudente perché sostanzialmente si accostano al sesso senza conoscerne nemmeno i rudimenti, in molti casi lo stesso funzionamento del loro corpo gli è oscuro.

    Ma è soprattutto cercare di sensibilizzare i giovani relativamente alle malattie a trasmissione sessuale, e alle gravidanze indesiderate che preme agli ideatori dell’opuscolo. Spiega la sessuologa Alessandra Graziottin che: “Il 71% dei nostri ragazzi non usa alcuna protezione perché dice del proprio partner tanto lo conosco: eppure un ragazzo o una ragazza possono essere portatori di malattie anche molto importanti.

    Se a 17 anni hanno già avuto anche cinque partner, è evidente che il rischio di moltiplicare le infezioni, e quindi di contrarre malattie è davvero molto alta. Le infezioni, poi, possono avere un prezzo altissimo, come quelle da clamidia che possono portare a sterilità, dolore pelvico cronico o ai rapporti. Ai genitori dico: se un domani volete diventare nonni, pensate a proteggere la fertilità dei vostri figli.

    Insegnate ai vostri maschi a indossare sempre il preservativo – conclude la dott.ssa – e alle ragazze, oltre a usare il contraccettivo, a esigere sempre il profilattico nei loro rapporti”. Non c’è davvero molto altro da aggiungere. Speriamo che il Patentino del sesso sicuro venga puntualmente consultato, anzi, studiato dai nostri teenagers con la stessa attenzione che dedicano all’omologo per la patente di guida.