Condropatia rotulea: cos’è e come si cura

condropatia rotulea

La condropatia rotulea è una patologia del tessuto cartilagineo attorno all’osso, in particolare coinvolge l’articolazione tra femore e patella, ed è caratterizzata da dolore, un sintomo comune anche all’artrosi, che progressivamente erode la cartilagine articolare. La sindrome femoro-rotulea, chiamata anche “ginocchio del corridore” può essere causata da diversi fattori, da traumi, alterazioni ossee o da lassità dei tessuti molli, anche se nella gran parte dei casi il motivo è da ricercare nell’eccessivo sovraccarico a cui è sottoposta l’articolazione.

La condropatia rotulea colpisce in particolar modo le donne e gli sportivi, soprattutto i corridori e i saltatori che appunto sforzano l’articolazione con flessioni ripetute del ginocchio. Ma vediamo insieme quali sono le cause.

Cause della condropatia rotulea

condropatia cause

Come accennavamo all’inizio, le cause legata a questa patologia possono essere diverse. La più comune è sicuramente il sovraccarico eccessivo a cui è sottoposta l’articolazione, ma tra i fattori rientrano anche i traumi diretti e indiretti, il ginocchio valgo, l’alterazione della forma rotulea, il piede pronato, retrazione del legamento alare. Ma non sono da escludere la sedentarietà e il sovrappeso, un fattore di rischio che colpisce 1 italiano su 3.

Il sintomo più evidente è il dolore tra rotula e il femore, nella zona mediale del ginocchio e lo si avverte soprattutto quando si flette il ginocchio e o quando ci si alza dopo aver trascorso molto tempo seduti. Il dolore, alle volte, può essere accompagnato anche da uno scricchiolio, causato dalla ruvidità della cartilagine. Molte volte l’articolazione può arrivare persino a gonfiarsi. In alcuni casi, invece, la condropatia rotulea può essere asintomatica.

Trattamento della condropatia rotulea

tutore ginocchio

Prima di poter intervenire in qualsiasi modo, è necessario che la diagnosi venga fatta da uno specialista, che dopo aver fatto l’anamnesi, eseguirà sul ginocchio una serie di test. Nei casi più gravi, con lussazione della rotula o con un allineamento scorretto dovuto a malformazioni ossee può essere necessario l’intervento chirurgico, mentre in tutti gli altri casi vengono utilizzate la crioterapia e la fisioterapia, che mirano a ridurre il dolore e l’infiammazione, ma anche a recuperare le funzionalità del ginocchio.

Nella fase acuta, chiaramente, non bisogna sforzare il ginocchio in alcun modo, altrimenti si rischia di riacutizzare il fastidio. Il medico, potrebbe anche prescrivere un tutore che mantiene centrata la rotula all’interno della gola intercondiloidea. Successivamente si interviene con la magneto terapia e si inizia un programma di allungamento e rinforzo muscolare.

I tempi per ritornare allo sport e alle normali attività quotidiane varia in base al paziente, perché non tutti rispondono allo stesso modo alla terapia. Generalmente sono necessari circa 2 mesi per eliminare il dolore e ritornare alle gare. Per ritornare alle normali attività della vita quotidiana, invece, sono sufficienti 2 settimane di fisioterapia mirata.

Per approfondire l’argomento vi consiglio di leggere anche gli altri post di Salute Pour Femme:

Dolore cronico, dall’artrosi la sofferenza delle donne

Artrosi, combatterla con l’acido ialuronico

Dolori alle ossa: cosa bisogna fare se dipendono dalle ossa

Segui Pour Femme

Venerdì 11/02/2011 da

Commenti (7)

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Adamo 13 maggio 2011 22:41

Salve a tutti,
sono affetto da condropatia di 3°al ginocchio sx e dopo un intervento di shaving cartilagineo in atroscopia fatto 3 anni fa’ e numerose infiltrazioni continuo ancora oggi ad avere continui dolori e versamenti di liquido sinoviale, c’e’ una soluzione al mio problema???sono disposto a fare altri interventi anche all’estero qualcuno puo’ gentilmente aiutarmi??vorrei risolvere il problema.grazie adamo

Rispondi Segnala abuso
Gina 24 settembre 2011 13:37

Ecco la mia esperienza: a 17 anni ho avuto una lussazione del ginocchio dx, immobilizzata x un mese a cui non è seguita adeguata fisioterapia ma parlo di 33 anni fa. Ho sempre praticato sport tra cui lo sci e le diverse cadute hanno evidentemente compromesso l’articolazione tanto che ho subito un intervento di meniscectomia laterale e shaving cartilagineo un anno fa. pensavo come dettomi dal medico che la sinovite reattiva fosse dovuta a questo ma ancora adesso ho il ginocchio gonfio, a volte dolore, ma è sempre caldo, non posso riprendere l’attività sportiva come la bici che poraticavo x 3 volte la settimana anche x due ore, niente yoga, niente sci, a distanza di un anno solo 20min di tapis roulant, rinforzo dei muscoli della gamba e coscia e piede ma senza intervento articolare del ginocchio, se no si gonfia, ho fatto e faccio laserterapia, tens, elettrostimolazione, crioterapia, solo tenendolo a riposo e senza alcun carico non si gonfia…….ho cambiato carattere ed ho un dubbio: lo shaving non sarà andato troppo in profondità compromettendo la ricostruzione della fibrocartilagine? Come si potrà rimediare?? Grazie a tutti coloro che mi daranno una mano e auguri a chi è nelle mie condizioni. Aggiungo che sono fisioterapista e lavoro con diversi colleghi e medici :0(((((

Rispondi Segnala abuso
17 novembre 2011 21:10

ciao adamo ti consiglio di non fare altri interventi perche io ho avuto fatto un intervento di plastica rotulea e ho peggiorato la situazione mi anno diagnosticato dopoun anno del intervento una grave contropatia alla rotula mi anno detto al rizzuoli di bologna lunica cosa da fare e …..protesi al ginocchio ce un piccolo problema io ho 38 anni ti saluto alfredo da isola delle femmine palermo ciao
499en

Rispondi Segnala abuso
Francesco 18 luglio 2012 08:07

Ciao io soffrrivo da 2 anni piccoli fastidi ,bruciori al ginocchio dx nella risonanza non c era niente sono andato da diversi ortopedici a Messina ma tutti mi consigliavano fisioterapia . Un anno fa decisi di salire al Rizzoli di Bologna. Un medico mi disse che era peccato operare un ginocchio sano mi prescrive fisioterapia e ghiaccio ma dopo 4 mesi risalgo a controllo e mi dice che mi devo operare in artroscopia per plica sinoviale.mi chiamano per l intervento e mi fanno plica, cartilagine e microfratture che dice che serve per la ricrescita della cartilagine.a distanza di 5 mesi sono molto peggiorato non posso piu salire e scendere le scale ,non posso camminare velocemente,dolori forti giorno e notte ,il ginocchio che mi cede e rischio di cadere ,o perso tutta la muscolatura del quadricipite non so piu che fare .ho rifatto la risonanza e ora mi risulta grave condropatia rotulea femorale ,tendinite mi anno detto che praticamente mi hanno tolto il letto dove tocca la rotula e mi manca il primo strato di osso e sono arrivato al secondo strato di rifare fisioterapia ,Magnetoterapia per tutta la notte e elettro stimolazione anche a casa …mi potete aiutare ? Grazie

Segnala abuso
Marisa 4 aprile 2012 17:01

si può curare con la magnetoterapia ?

Rispondi Segnala abuso
Stefania 10 luglio 2012 13:13

Ciao volevo sapere che cure ci sono per me che sono in attesa al sesto mese avendomi diagnosticato una infiammazione tendino rotulea.grazie rispondetemi per piacere

Rispondi Segnala abuso
Francesco 18 luglio 2012 08:10

Premetto che ho 38 anni.

Rispondi Segnala abuso
Scopri PourFemme
torna su