Con il freddo l’influenza stagionale ha raggiunto il picco, un aiuto arriva dall’omeopatia

da , il

    Influenza stagionale picco omeopatia

    Complice il gran freddo artico che ha investito l’Italia, l’influenza stagionale, per quanto tutto sommato “blanda” sia quella di questo 2012, ha “finalmente” raggiunto il suo picco. Secondo i dati forniti dai medici sentinella della rete Influnet dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), infatti, solo tra la fine di gennaio e il 5 di febbraio è finito a letto con la febbre ben mezzo milione di italiani, di cui, come sempre, la fetta maggiore, costituita da bambini dagli 0 ai 7 anni di età.

    Naturalmente la cosa era ampiamente prevista, ma se siete a rischio di ammalarvi anche voi, se in famiglia qualcuno è già stato messo ko dai malesseri influenzali, con sintomi come febbre alta, mal di testa, mal di gola, disturbi gastrointestinali come vomito e diarrea, qualcosa per proteggervi contro il virus “australiano” di quest’anno potete ancora fare. Ad esempio, affidandovi all’omeopatia soprattutto per prevenire il contagio.

    Il dott. Alessandro Targhetta, omeopata e fitoterapeuta presso il “Centro di Medicina” del Veneto, ci fornisce qualche utile indicazione. Quando si avvertono in primi sintomi dell’influenza, ad esempio, il medicinale consigliato è Anas Barbariae 200k, da prendere immediatamente rinnovando l’assunzione ogni 8 ore ed estendendone l’uso precauzionale anche ai familiari o alle persone ancora non contagiate che circondano il malato.

    Questo farmaco aiuta a ridurre il malessere e a facilitare il decorso influenzale. Se la febbre non è molto elevata (ovvero, non supera i 38° C), allora si consiglia l’assunzione di Ferrum Phosphoricum 9 CH (5 granuli sotto la lingua ogni 2-3 ore), mentre se sale rapidamente raggiungendo temperature elevate fino a 39-40°, allora è meglio optare per Belladonna 9 CH (5 granuli ogni 2-3 ore).

    Infine, se la temperatura elevata è associata ai disturbi gastrointestinali, allora la medicina da prendere sarà Arsenicum Album 15 CH, sempre 5 granuli ogni 2-3 ore. Tutti i medicinali omeopatici sono privi di effetti collaterali e possono essere assunti indistintamente da adulti e bambini. Il consiglio, comunque, resta sempre quello di parlarne con il medico o con il vostro farmacista di fiducia.