Combattere lo stress: 4 regole da seguire

da , il

    Combattere lo stress

    Ci avviciniamo alla bella stagione, e questo è bene, peccato che stress e nervosismo si accentuino proprio nel periodo primaverile, così come si moltiplicano strani malesseri e improvvise malinconie. Il nostro umore fluttua come il venticello di marzo, il mal di testa ci martella, fatichiamo a farci una notte intera di sonno, il tutto mentre le nostre energie fisiche sembrano latitare. Senza contare i brufoletti che fioriscono, proprio come gemme, sul nostro viso, la pressione sanguigna che al mattino precipita sotto i tacchi, i nervi che ci fanno saltare per un nonnulla. Siamo forse vittime dello stress primaverile?

    Forse sì, del resto, tenete conto che è fisiologico, il nostro corpo risponde ai cambiamenti ambientali e climatici con reazioni che possono anche prenderci in contropiede, fino a quando non ci adattiamo perfettamente alla nuova situazione. Ci sono, però, delle condizioni limite che non devono essere superate. Quando lo stress stagionale, più o meno naturale, si innesta su uno stato psico-fisico già provato, magari determinato da problemi di natura lavorativa, familiare, sentimentale, allora c’è davvero il rischio di scivolare verso l’esaurimento o aprire le porte a malattie pericolose.

    Meglio agire preventivamente, cominciando a prenderci cura di noi stesse fin dai primi segnali di insofferenza, senza attendere di arrivare all’ultimo stadio. Ecco quattro semplici regole-consigli di vita, su come fare per combattere questo antipatico stress, stagionale o meno che sia.

    Combattere lo stress con l’alimentazione

    Dando per assodato che “siamo ciò che mangiamo”, appare chiaro che per mantenere il nostro equilibrio psico-fisico, migliorare l’umore e tenere alto il livello energetico, dobbiamo partire proprio dall’alimentazione. Quando siamo sotto stress, tendiamo a mangiare di più (fame nervosa), e peggio, prediligendo cibi dolci che placano momentaneamente l’ansia interiore e ci danno un senso effimero di conforto. Ma il picco glicemico provocato dagli zuccheri determina un successivo “down” che ci lascia molto più provati di prima, senza contare che può avere effetti sul nostro peso, e questo, a sua volta, è fonte di stress. Come si intuisce, un circolo vizioso da evitare. Per sentirvi bene e ritrovare l’equilibrio dovete mangiare alimenti ricchi di Vitamina E, Vitamina C, potassio, magnesio, selenio, acidi grassi Omega3. Allora via libera al pesce (specialmente il salmone e tutti i pesci “freddi”), alle uova, alle verdure a foglia verde, alla frutta come le banane, i kiwi, le fragole, gli agrumi, alla frutta secca, specialmente noci. Andateci piano, invece, con i latticini, yogurt a parte, con i cibi troppo pesanti e grassi che affaticano il metabolismo, con i dolci. Inoltre, per affrontare al meglio la giornata date particolare importanza alla prima colazione, che non dovete MAI saltare! Ricordate di mangiare una porzione di cereali (ad esempio, due fette biscottate), e magari della frutta fresca.

    Combattere lo stress con la ginnastica

    La sedentarietà è nostra nemica sotto tutti i punti di vista, al contrario, l’attività fisica è un grandissimo anti stress e anti depressivo, perché svuota la mente dai troppi pensieri ed elimina le tensioni muscolari. Perciò non perdete tempo e iscrivetevi in palestra, oppure andate a correre (scegliete l’ora che vi è più congeniale, tenendo conto che il primo mattino è sempre il momento migliore per dare sprint a tutta la giornata), o fate passeggiate a piedi, magari nel verde del parco cittadino o delle campagne vicine al luogo dove abitate, e in bicicletta. Le giornate si allungano e il clima diventa tiepido, perciò non rimanete in casa, uscite e “sbollite”!

    Combattere lo stress con la meditazione

    La meditazione, contrariamente a quello che molti credono, non ha nulla a che vedere con il focalizzare l’attenzione su un qualche pensiero, magari di pura speculazione filosofica. Meditare significa raggiungere una condizione di distacco, in cui la mente si svuota, e il fisico si rilassa. Non esiste modo migliore per curare lo stress del corpo e della psiche appesantiti da troppe preoccupazioni, per rallentare il ritmo sempre troppo accelerato delle nostre giornate. Vi serve anche solo mezzora al giorno tutta per voi, senza il pericolo di essere disturbate, con tutti i vostri mezzi di comunicazione (cellulari, tablet, pc ecc.) rigorosamente spenti, e un ambiente rilassante, magari con una bella musica adatta in sottofondo. Sedetevi con le gambe incrociate e, piano piano, spegnete uno ad uno uno tutti i vostri pensieri, concentrandovi solo sui rumori circostanti, respirate profondamente, con la pancia, fino a quando non sentirete il battito del vostro cuore che decelera. Rimanete in questa deliziosa condizione di pace fino a quando ne sentite l’esigenza. Quando riemergerete, tutto sarà più piacevole, voi sarete più calme, in grado di affrontare al meglio il resto della giornata. Se avete voglia e tempo, potete anche seguire uno dei tanti corsi che sono offerti nei Centri Yoga sparsi in tutta Italia.

    Combattere lo stress con il volontariato

    Che ci crediate o no, uno dei sistemi migliori per combattere lo stress è quello di aiutare il nostro prossimo. La solidarietà è un potente antidepressivo, e anche se questa interpretazione vi appare un po’ troppo egoistica, sappiate che non importano le motivazioni che vi spingono ad entrare in una associazione di volontariato, perché è il risultato quello che conta veramente. Non solo vi sentirete meglio, ma cambierà completamente la vostra scala dei valori, delle priorità. La vostra vita vi apparirà sotto una luce migliore, conoscerete persone come minimo interessanti, e mettervi nei panni degli altri vi renderà meno concentrate sui vostri problemi, il che, ovviamente, allontanerà anche lo stress che di solito li accompagna. Provate!

    Per approfondire l’argomento stress, date un’occhiata anche ai seguenti articoli:

    Invecchiamento precoce e malattie, così lo stress mina la vita delle donne

    Forti stress riducono le dimensioni del cervello

    Stress, le italiane più colpite d’Europa

    Dolcetto o scherzetto?