Colesterolo: il vino rosso aiuta a ridurre quello “cattivo”

da , il

    Colesterolo vino rosso

    Che per combattere il colesterolo alto, specie quello “cattivo” o LDL, sia indispensabile partire dalla tavola, è ormai chiaro a tutti. Quello che ci piace sapere, è che non è necessario, per mantenere in salute le proprie vene, sgombre da accumuli pericolosi di grassi, mortificare la propria dieta privandosi di molti piaceri. In realtà, esistono alcuni alimenti e bevande che per noi sono prelibatezza, un vero piacere per il palato, che fanno anche molto bene alla nostra circolazione. Ad esempio, il vino rosso. Naturalmente, trattandosi di bevanda alcolica, va consumata con moderazione, e tuttavia, un bicchiere a pasto, soprattutto quando il menù è bello ricco, non può che giovare.

    E’ quanto emerge da una recente ricerca italiana condotta dall’Inran (Ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti e nutrizione vigilato dal Ministero per le Politiche Agricole, alimentari e Forestali) in collaborazione con il Centro ricerca e Innovazione della Fondazione Edmund Mach –Istituto Agrario di San Michele all’Adige e con il Dipartimento di Scienze Biochimiche dell’Università La Sapienza di Roma. Scopo dello studio era scoprire gli effetti del vino rosso sui grassi ossidati accumulati nel sangue dopo un pasto abbondante.

    Ebbene, i risultati sono stati davvero confortanti per i tanti estimatori del nettare color rubino. Per effettuare la sperimentazione, i ricercatori hanno selezionato 12 volontari in buona salute – sei uomini e sei donne – in età comprese tra i 24 e i 35 anni, ai quali era stato chiesto di eseguire il loro solito regime alimentare, evitando di assumere medicinali o integratori. Durante il primo test, i volontari hanno consumato un doppio cheesburger di 200g, accompagnato da 300 ml d’acqua. Dopo due settimane, stessa pietanza ma, stavolta, consumata con 300 ml di vino rosso.

    Risultato? Ce lo spiega la dott.ssa Fausta Natella, una delle ricercatrici Inran: “Dai dati dello studio è emerso che il consumo di vino rosso durante il pasto ha prevenuto l’aumento nel sangue dei prodotti di perossidazione lipidica, sia lipidi idroperossidi che ossidi del colesterolo, che si è osservato invece dopo il consumo del pasto con acqua. Questi composti possono avere effetti negativi sulla salute”. Ergo, dieta equilibrata e un po’ di vino rosso, specie come accompagnamento di un pasto sostanzioso, sono sicuramente buone abitudini da conservare.