Chi sniffa cocaina mette seriamente a repentaglio la salute del proprio cuore

da , il

    Cocaina salute cuore

    La cocaina, purtroppo, è ormai passata da droga “per ricchi”, costosa e quindi relegata soltanto a certi ambienti sociali privilegiati, a sostanza tossica “per tutti”, usata comunemente da moltissime categorie di persone. Giovani, giovanissimi, ma anche persone di mezza età e anche più avanti negli anni, uomini e donne, ne fanno uso in modo più o meno regolare. A tal proposito fece abbastanza impressione l’esito di un’analisi effettuata nelle acque reflue del comune di Milano che presentava livelli elevatissimi di cocaina, segnale allarmante della diffusione del fenomeno. Ma la cocaina, fa male, anzi, malissimo, e non è un modo di dire.

    Fa male al cervello, modifica il comportamento cancellando i freni inibitori, e fa male al cuore, danneggiandolo spesso in modo irreversibile senza che la persona se ne renda contro. Anche in assenza di sintomi, chi fa uso regolare di questa sostanza stupefacente manifesta disturbi cardiaci nell’80% dei casi. A scoprirlo sono stati i ricercatori Giovanni Donato Aquaro e Michele Emdin delle Unità di Risonanza Magnetica e di Medicina Cardiovascolare della fondazione Monasterio del CNR di Pisa, in collaborazione con i SERT della regione Toscana, grazie ad uno studio pubblicato sulla rivista Heart.

    Coinvolgendo in analisi specifiche (tra cui ecocardiogrammi, biomarcatori del sangue e risonanza magnetica) 40 persone, abituali consumatori di cocaina, gli scienziati hanno rilevato in loro disturbi cardiaci gravi e quasi totalmente asintomatici. “Il 23% dei soggetti aveva un danno di tipo ischemico – spiega il dott. Emdin – del tutto simile a quello che si vede nel cuore dopo un infarto.

    Danni particolarmente consistenti li abbiamo trovati in chi assieme alla cocaina era solito consumare alcool: in questi casi le lesioni cardiache sono frequentissime”. Ma le analisi hanno evidenziato problemi praticamente in tutti i soggetti, l’83% aveva un qualche tipo di danno al cuore, il 73% segni di fibrosi cardiaca e la metà circa edema cardiaco. Insomma, un quadro davvero preoccupante, specialmente perché i soggetti campionati non avevano assolutamente idea di avere qualche problema al cuore. Non foss’altro che per prevenire malattie cardiache che possono portare a infarti con esiti letali, NON fate uso di cocaina, mai, neppure saltuariamente.