Cellulite: combattiamola con i cerotti

da , il

    Se aprissi un sondaggio sull’inestestetismo più odiato dalle donne, sono certo che la cellulite la spunterebbe, anche con parecchi voti di scaro. Tutte le donne, o quasi, hanno cercato di far fronte al problema almeno una volta nella vita. I rimedi proposti dalla medicina e dalle aziende di cosmesi sono molteplici, molte di voi ne conosceranno più di uno. Oggi parliamo dei cerotti anti-cellulite, concentrandoci sui principi che stanno alla base del loro funzionamento e sulle modalità d’uso.

    Nella maggior parte dei casi, i cerotti vanno considerati un rimedio naturale: i principi attivi rilasciati, infatti, il più delle volte provengono da erbe officinali o da altri derivati della natura. In particolare, gli ingredienti più utilizzati dalle aziende per la produzione dei cerotti sono caffeina, carinitina, Camelia Sinensis, chiodi di garofano e non ultimo il tè verde.

    I più diffusi sono senza dubbio quelli a base di caffeina, una sostanza che ha la funzione di bruciare le cellule di grasso e favorire la dilatazione dei vasi sanguigni, fluidificando la circolazione del sangue. Gli effetti sul flusso sanguigno permettono di limitare il ristagno dei liquidi, che è la causa principale della pelle a buccia d’arancia. Se vi state domandando se bere tanto caffè può avere gli stessi effetti, sappiate che non è così: l’assunzione orale non permette di colpire le zone cellulitiche, perchè la caffeina viene assorbita dall’organismo prima del tempo.

    Tra i cerotti anti-cellulite più acquistati ci sono anche quelli a base Fucus vesiculosus e Rhodysterol, due alghe marine dell’Europa settentrionale. La funzione rimane più o meno la stessa, bruciare il grasso attraverso la lipolisi e contrastare la ritenzione idrica nelle zone colpite, con la differenza che le alghe hanno anche la capacità di accelerare il metabolismo.

    Per quanto riguarda l’applicazione consiglio di consultare sempre le istruzioni, perchè ogni cerotto può avere controindicazioni particolari e modalità d’uso differenti. In linea di massima il prodotto va applicato direttamente sull’area di interesse, per un tempo variabile, che generalmente non supera le 24 ore. Spesso basta stendere il cerotto la sera, tenerlo tutta la notte e toglierlo la mattina successiva. Dovreste ottenere i primi risultati già dopo qualche giorno.

    I cerotti, come la maggior parte dei rimedi naturali, possono dare una mano, ma rappresentano comunque una comoda scorciatoia. Il vero segreto per contrastare la cellulite è l’impegno: fare sport con costanza, mangiare bene e bere tanto. Se poi non riuscite comunque a ottenere i risultati sperati, c’è sempre la liposcultura

    Di che cellulite sei?

    Domanda 1 di 9

    L'alimentazione che segui come potrebbe essere definita?

    Dolcetto o scherzetto?