Caviglie gonfie: cause e rimedi da adottare [VIDEO]

da , il

    Addio caviglie gonfie con gli esercizi

    Le caviglie gonfie, così come i piedi, in questo periodo in cui inizia il caldo sono molto frequenti. Quando le caviglie si gonfiano, dal punto di vista medico si parla di edema che può essere causato da diversi fattori, dai più semplici, come lo stare in piedi troppo a lungo, o più complessi, come l’insufficienza cardiaca. In alcuni casi invece non si riesce ad identificare una causa precisa per il gonfiore alle caviglie ed allora si parla di edema idiopatico. In generale comunque tutto nasce da una difficoltà dei vasi capillari a far rifluire il sangue verso l’alto, il che provoca un accumulo di liquidi sulle caviglie ed anche sui piedi. Perché questo avviene in basso? Ovviamente per la forza di gravità!

    Caviglie gonfie: le cause

    Per capire come risolvere il disturbo delle gambe gonfie è opportuno concentrarsi sulle cause specifiche: insufficienza cardiaca, ipertensione, obesità e sovrappeso, problemi circolatori superficiali, stare troppo fermi in piedi, camminare per ore, stare seduti a lungo senza potersi sgranchire, come avviene ad esempio durante un lungo viaggio o, infine anche troppo sale nell’alimentazione (che sappiamo essere responsabile di ritenzione idrica) può incidere nell’edema alle caviglie. Ovviamente una visita medica va sempre fatta se il gonfiore alle caviglie perdura nel tempo. Oppure anche e semplicemente per prevenire o escludere patologie serie. E’ ovvio che in caso di problemi cardiocircolatori, ma anche di obesità grave, il sintomo delle caviglie passa in secondo piano, ma tenendo sotto controllo queste patologie si potrebbe avere anche un deciso beneficio per l’edema agli arti inferiori. Per il resto, basta affidarsi ad alcuni cambiamenti nello stile di vita.

    Caviglie gonfie: rimedi da adottare

    La prima cosa da fare sicuramente è ridurre la quantità di sale nella vostra dieta: è causa di ritenzione idrica, ne gioveranno caviglie, piedi e cellulite, ma di sicuro anche la vostra pressione arteriosa. Di contro, scegliete di mangiare almeno una banana al giorno: ricca di potassio contrasta gli effetti del sale. Stesse proprietà le hanno i pomodori e gli spinaci, ma anche la frutta in guscio come i pistacchi e le mandorle, ovviamente da preferire grezzi. Più in generale è importante perdere peso e, con l’avanzare dell’età, utilizzare calze a compressione graduata che aiutano il fluire del sangue. Sono importanti anche alcuni esercizi fisici. Se si sta fermi per molte ore occorre fare in modo almeno ogni mezz’ora di roteare le caviglie (almeno 10 giri), allungare le punte dei piedi e soprattutto piegare più volte il ginocchio. Per dormire o stare stesi a leggere un libro è necessario un rialzo sotto i piedi,affinché questi stiano più in alto del cuore. E’ buona norma la sera liberarsi quanto prima di indumenti stretti (cinta, reggiseno, ecc) ed utilizzare scarpe comode. I tacchi? Un paio di cm è l’ideale per chi soffre di gambe gonfie: vietati gli estremi, troppo alti o le classiche ballerine. Il vostro medico o farmacista potrà anche suggerirvi degli integratori per rafforzare i capillari e dunque contrastare il gonfiore.

    Di seguito altri articoli che potrebbero interessarvi:

    Gambe pesanti: tutte le cause ed i rimedi

    Gambe pesanti e stanche: i rimedi naturali

    Dolcetto o scherzetto?