NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Calo del desiderio in menopausa: cause e rimedi

Calo del desiderio in menopausa: cause e rimedi
da in Ginecologia, Menopausa, Sessualità
Ultimo aggiornamento:
    Calo del desiderio in menopausa: cause e rimedi

    Menopausa e sessualità, un binomio che porta con sé molti dubbi, sopratutto se legato al tema del calo del desiderio e altre problematiche simili, non sempre facili da gestire per una donna. Ma quindi è vero che in menopausa una donna non ha più voglia di fare sesso? Oppure: è possibile una vita sessuale attiva e soddisfacente anche dopo la fine del ciclo mestruale? Tante le domande a cui dare risposta in modo scientifico ma anche sulla base di esperienze di vita di molte donne che hanno imparato a gestire due elementi importanti della loro vita: la sessualità e la menopausa.

    Il desiderio sessuale, generalmente, diminuisce con l’avanzare dell’età tanto nelle donne quanto negli uomini. È sicuramente una situazione molto personale, che può verificarsi con modalità e tempi del tutto diversi da un soggetto all’altro. Tuttavia, il desiderio femminile ha maggiori probabilità di smorzarsi subito dopo la menopausa, nonostante sia un periodo ancora attivo per la donna, per tutta una serie di problematiche psicologiche e fisiche dovute alla carenza degli ormoni sessuali, ovvero estrogeni e testosterone. Infatti, l’arrivo della menopausa influenza l’ordinaria vita della donna, e principalmente la sfera sessuale, in modo negativo a causa di alcuni fattori fisiologici come:

    • riduzione delle dimensioni e dell’elasticità vaginale
    • secchezza vaginale
    • dolore
    • disturbi dell’umore e del sonno
    • incontinenza urinaria
    • vampate e sudorazione eccessiva

    Questi disturbi incidono in modo preponderante sulla psiche della donna, che la portano a forme più o meno gravi di depressione e ansia, insoddisfazione generale e forti sensazioni di disagio col proprio corpo che, nella maggioranza dei casi, minano il suo comportamento sessuale.

    Per gestire il calo del desiderio sessuale femminile, e qualsiasi altra problematica ad esso correlato in menopausa, è possibile intervenire in diversi modi. Per scegliere la modalità più confacente alla propria situazione è necessario ricorrere al consiglio di un esperto, che sulla base di un’attenta analisi fisica e psichica riuscirà ad indirizzarci verso la soluzione più adeguata.

    Una terapia ormonale sostitutiva per via orale, o attraverso l’assunzione di fitoestrogeni, è consigliabile e molto facile da seguire per riequilibrare il livello di ormoni nell’organismo ed eliminare in modo completo i fastidiosi disturbi legati alla menopausa.

    È, però, indispensabile prima di tutto migliorare o regolare il proprio stile di vita attraverso alcune semplici accortezze. Prima fra tutte un’alimentazione sana e bilanciata per evitare di ingrassare in menopausa, a causa in particolare di un metabolismo non più veloce. Importante abbinare una moderata ma quotidiana attività fisica, come una passeggiata di mezz’ora e, perchè no, del buon sesso!

    Anche la natura offre dei rimedi utili per riattivare il desiderio sessuale dopo l’arrivo della menopausa.

    Per beneficiarne occorre andare in erboristeria, dove solitamente i principi attivi più efficaci possono essere trovati sotto forma di compresse. Tra questi, i migliori sono:

    È una pianta asiatica, che funziona come il viagra ma in maniera del tutto naturale, quindi privo di rischi per la salute di donne e uomini. Il suo principio attivo è la molecola icarina che agisce come tonico e rinvigorente delle funzioni sessuali.

    È un tubero commestibile proveniente dal Perù, che vanta potenti effetti afrodisiaci da sempre utilizzati dalla medicina naturale. Grazie alle sue proprietà viene stimolata la sintesi degli ormoni sessuali.

    È una pianta messicana, usata anch’essa da tempo come afrodisiaco naturale per le proprietà antidepressive e tonico-stimolanti delle sue foglie. Indicata, quindi, in caso di astenia sessuale, soprattutto di origine psicologica, risulta efficace sul miglioramento dell’umore e sui centri nervosi che regolano la funzionalità degli organi sessuali.

    Erba utilizzata in India da secoli per aumentare la fertilità delle donne, svolge un’importante azione di stimolazione di ormoni androgeni, come il testosterone, ed è quindi indicato per regolare la libido.

    Nonostante sia importante valutare caso per caso, generalmente è possibile intervenire nei modi sopra citati per trattare il calo del desiderio in modo efficace. Tuttavia, è importante, come prima cosa, che ogni donna comprenda che qualsiasi problema fisiologico può essere curato e gestito grazie all’aiuto di specialisti ma anche attraverso la propria riflessione interiore. La menopausa, inoltre, non è la fine della propria giovinezza ma l’inizio di qualcosa di nuovo e di bello, da scoprire da sole o insieme al proprio partner.

    972

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GinecologiaMenopausaSessualità
    PIÙ POPOLARI