Brachioplastica, ovvero il lifting delle braccia

da , il

    braccia

    Gli anni passano ed anche se continuiamo a pensare spesso quasi esclusivamente alle rughe del viso o ai seni cadenti, vi sono altre parti del nostro corpo che tradiscono l’età e non solo: le braccia, o meglio la parte inferiore che va dal gomito all’ascella. Con l’invecchiamento la cute ed il tessuto muscolare cedono, ma anche in seguito ad un dimagrimento importante. Anche in questi casi la chirurgia estetica offre concrete soluzioni. Stiamo parlando della brachioplastica o lifting delle braccia.

    Come si esegue la brachioplastica

    La brachioplastica, meglio nota come lifting delle braccia consiste in uno “stiramento” vero e proprio della parte che si è afflosciata. Il tutto avviene in anestesia totale ed ovviamente in una sala operatoria adeguatamente attrezzata. La durata dell’intervento, a seconda del caso specifico, si aggira tra le tre e le quattro ore: non poche! Esistono diverse tecniche che lasciano cicatrici posizionate in aree più o meno visibili e diverse tra loro. Tutto dipende dal grasso e dalla pelle in eccesso da asportare.

    Brachioplastica: prima e dopo

    È un intervento che può essere eseguito da pazienti con braccia molto ingrossate, caratterizzate da una grande lassità della cute; in donne anziane, non sovrappeso; il tutto solo ed esclusivamente in caso di persone sane, con un’aspettativa realistica dei risultati. Necessari dei test ematici, un elettrocardiogramma ed una rx al torace prima dell’operazione. La paziente a seconda del tipo di intervento realizzato sarà dimessa il giorno stesso o dopo le 24 ore, con l’eventuale indicazione terapeutica di antibiotici, analgesici ed antiedemici. Possibili gonfiore e dolore di modesta entità. Sarà applicata anche una medicazione (in genere compressiva) che non andrà rimossa o manomessa se non dal medico dopo almeno 48 ore, al primo controllo. In tal caso saranno applicate poi altre medicazioni più leggere ed una guaina. I punti verranno rimossi dopo circa una settimana. Gli eventuali drenaggi saranno anch’essi rimossi dal chirurgo plastico dopo due o tre giorni dall’intervento.

    Le cicatrici della brachioplastica

    Le cicatrici saranno lievi, ma permanenti: ovviamente dipenderanno dal tipo di taglio scelto dal medico in base alla struttura da operare. Inizialmente queste sembreranno orribili e tendenti al peggioramento, ma tutto è normale, poi si allevieranno: in casi particolari può essere previsto un ritocco delle stesse. Ma solo dopo un anno. In tale periodo va evitata l’esposizione al sole, come del resto per tutti gli altri casi di chirurgia plastica ed estetica.

    Foto: edri per Flickr