Bolle sulle mani: cause e rimedi

da , il

    Bolle mani

    Bolle sulle mani, che si tratti di un problema più frequente d’estate, colpevole della comparsa di prurito e fastidi per adulti e bambini, che interessi solo le mani o anche gambe e piedi, le cause possibili, così come i relativi rimedi, sono numerose e diverse tra loro. Ecco qualche esempio e qualche informazione utile.

    Le cause possibili

    Una delle cause più probabili, contro la quale è facile puntare in dito quando sulle mani compaiono delle strane bolle è la disidrosi. Si tratta di un disturbo cutaneo caratterizzato proprio dalla comparsa sulla pelle di vescicole piene di liquido.

    La colpa può essere anche della dermatite, un’affezione della pelle che può avere diverse cause, dalla genetica alla reazione allergica, che si manifesta con prurito cutaneo, macchie rosse, bolle di diverse dimensioni e secchezza della pelle delle mani.

    Le bolle potrebbero essere classificate come una delle possibili conseguenze dell’allergia. Può trattarsi della manifestazione evidente di un’allergia da contatto, ma anche del risultato di un’allergia alimentare. Non è altro che una dermatite allergica, che ha tra i possibili sintomi proprio le vescicole cutanee, comunemente note e riconosciute come bolle.

    Le donne in dolce attesa dovrebbero metterle in conto come uno dei possibili effetti collaterali e poco piacevoli della gravidanza. Durante i nove mesi, infatti, complici gli scombussolamenti ormonali, la pelle può subire qualche contraccolpo, diventando il bersaglio preferito di macchie ed escrescenze, piccole imperfezioni e cambiamenti cromatici, secchezza e bolle.

    Meno frequente, ma non impossibile, la presenza di bolle sulla pelle delle mani causata da una malattia cutanea cronica e non contagiosa, la psoriasi, solitamente riconoscibile grazie alla presenza di zone tondeggianti di pelle arrossata, ispessita e ricoperta di squame bianco-argentee.

    Tra le possibili cause delle bolle sulle mani, inoltre, vanno incluse anche le ustioni e le bruciature. Traumi termici che possono creare delle lesioni sulla pelle come vescicole e arrossamenti.

    I rimedi utili

    A ciascuna causa il suo rimedio. Se in caso di ustioni lievi e piccole bruciature bastano creme a uso topico idratanti, lenitive e antinfiammatorie, in caso di disidrosi la terapia, sotto consiglio dello specialista, dovrebbe essere a base di creme specifiche, impacchi umidi e sessioni di fototerapia.

    Quando è colpa dell’allergia, prima di valutare la cura più adeguata è necessario scoprire l’agente responsabile della reazione allergica, attraverso i test allergici. La psoriasi merita un approccio complesso: per il trattamento locale, utile soprattutto nelle forme meno gravi di psoriasi, si utilizzano i prodotti cheratolitici, da stendere direttamente sulla parte interessata, per ottenere la rimozione delle squame e favorire l’idratazione della cute; risultano utili la fototerapia; nei casi più seri invece, è necessario, sotto stretto controllo medico, il trattamento sistemico, a base di farmaci da assumere per via orale.