Bocciato il metodo stamina di Davide Vannoni

da , il

    Davide-Vannoni

    Il comitato scientifico incaricato dal ministro Beatrice Lorenzin di verificare la validità del metodo stamina, utile secondo il suo ideatore a combattere diverse malattie neuro degenerative, ha bocciato il progetto. Il presidente di Stamina Foundation, il dott. Davide Vannoni, non l’ha presa molto bene pur avendo dichiarato che se l’aspettava. La valutazione definitiva spetta comunque al Ministero della Salute, staremo a vedere! Nel frattempo chi ne fa le spese sono ovviamente le famiglie delle piccole creature che grazie al metodo stamina avevano ricominciato a sperare in un futuro migliore.

    Il sostegno delle associazioni di malati e familiari al metodo stamina

    Il papà di Sophia, la bimba morta a giugno che non ha potuto curarsi con le staminali di Vannoni, ha reagito alla bocciatura con le seguenti parole: ”E’ una decisione che ci lascia basiti. Colpisce la velocità con cui hanno voluto chiudere. La sensazione è che invece di risolvere un problema, abbiano voluto chiudere il problema”. Come non dargli torto, lui che ha vissuto quotidianamente il dramma di una figlia immobile, che al posto di giocare vegetava su un letto. Netta anche la posizione del dott.Vannoni: ”Non mi aspettavo niente di diverso dal comitato scientifico. Credo che non sia comunque un comitato imparziale, visto che il 70% dei suoi membri si era espresso contro il metodo stamina prima ancora di essere nominato all’interno del comitato. Se così stanno le cose stamina farà ricorso al Tar in merito alla nomina di precise personalità, non imparziali, all’interno del comitato’. Con queste metodo sono curate in questo momento a Brescia 40 persone, senza effetti collaterali e con risultati evidenti che mostreremo al Tar il prossimo 7 ottobre”. Nonostante il comitato scientifico si sia pronunciato contro il metodo stamina, le associazioni di malati e familiari continuano a sostenerne la validità, d’altronde sono proprio loro a sperimentarla sulla propria pelle giorno dopo giorno.

    Polemiche contro le dichiarazioni del dottor Vannoni

    Le dichiarazioni contrariate del dott. Davide Vannoni hanno suscitato un vespaio di polemiche. Emilia Grazia De Biasi (Pd), presidente della Commissione Sanità del Senato, si è espressa in questi termini: “ Vannoni non si permetta di criticare il lavoro del comitato, costituto da scienziati di tutto rispetto “ Altre reazioni indispettite giungono da Filomena Gallo, presidente dell’associazione Luca Coscioni: “ Se fosse vera, la notizia confermerebbe quanto da noi sostenuto da un anno, ovvero che il metodo stamina è privo di metodo scientifico e non rispetta le regole”. Nessun sostegno nemmeno dal direttore del Centro di medicina rigenerativa Stefano Ferrari dell’università di Modena e Reggio Emilia, esperto di ricerche sulle staminali in Italia, contrario da sempre alla metodica Vannoni. Il direttore si è così espresso: “ Non c’è da stupirsi granché della bocciatura. Ritengo che la commissione tecnica abbia semplicemente verificato quanto espresso dal mondo scientifico a livello internazionale”.