Biostimolazione contro le rughe del viso, cos’è?

da , il

    biostimolazione contro le rughe

    La biostimolazione è un metodo per contrastare le rughe e più in generale per ringiovanire la pelle del viso. Questa, come ben sappiamo, a causa del fisiologico invecchiamento oltre che dell’azione degli agenti esterni, come i raggi nocivi del sole, il vento gelido, lo stress, l’inquinamento atmosferico, l’alimentazione errata e (non ultimo per importanza) il fumo di sigaretta, tende ad avvizzirsi, a farsi secca e creare dei solchi, perde elasticità e si ingrigisce. La biostimolazione è in grado di agire su tutto ciò idratando e rassodando localmente la cute. Scopriamo insieme come.

    Cos’è la biostimolazione

    La biostimolazione mira, come il termine fa comprendere, a riattivare (stimolare) i fibroblasti, cioè le cellule deputate alla produzione di collagene ed elastina, sostanze naturali fondamentali per la giovinezza del volto. Il tutto avviene attraverso microiniezioni sui punti strategici (rughe del viso, del collo, della fronte, degli zigomi, del contorno labbra ma anche del decolletè, delle braccia e delle mani. La sostanza iniettata essenzialmente è l’ acido ialuronico, in una formulazione particolare, naturale e a basso peso specifico, a differenza, rispetto a quello dei filler, non solo di riempire la zona curata, ma anche di stimolarvi la nuova produzione di collagene ed elastina: una revilitalizzazione della pelle quanto più naturale possibile. Tale acido ialuronico, inoltre si riassorbe velocemente, una volta compiuto il suo dovere: la biostimolazione, dunque non va paragonata ad un filler che offre risultati immediati visibili, ma ad una cura che mira ad un ringiovanimento naturale in poco tempo. Sono necessarie più sedute, il cui numero varia a seconda del grado di invecchiamento della pelle.

    Come agisce la biostimolazione

    Possiamo dunque definire la biostimolazione come un programma di bellezza, atta a ringiovanire la pelle in tutti i suoi strati, a partire dall’epidermide (quello più esterno e visibile), ma anche in profondità, nel derma e nell’ipoderma. Oltre all’acido ialuronico possono essere anche iniettate vitamine, prodotti omeopatici specifici, ed aminoacidi precursori del collagene e dell’elastina. Come spesso ricordiamo però, stiamo parlando di un trattamento di medicina estetica che va effettuato solo da mani esperte e serie che garantiscano anche e soprattutto la qualità delle sostanze iniettate. In genere le microiniezioni, realizzate con aghi sottilissimi, non sono dolorose: si può all’occorrenza usare anche una crema anestetica da applicare localmente. Il numero delle sedute varia a seconda del grado di invecchiamento della pelle ed in genere se ne fa una a settimana (per 6-7 volte consecutive e poi dei “richiami” a distanza). E’ molto usato anche in prevenzione. La pelle migliorerà in breve: diventerà più turgida, liscia e luminosa.

    Foto: Usphospitales per Flickr