Biopsia: il primo intervento ad opera di un robot

da , il

    Già da qualche anno i robot medici hanno fatto la loro comparsa nelle sale operatorie, ma mai fino ad oggi erano riusciti ad eseguire interventi chirurgici in totale autonomia. Il robot messo a punto dalla Duke University, infatti, ha compiuto la prima biopsia senza alcuna guida umana. L’esperimento è stato pubblicato sulla rivista internazionale Ultrasonic Imaging. I primi test descritti dallo studio sono stati condotti sul tessuto dei tacchini. Il prossimo passo sarà la sperimentazione su un vero corpo umano.

    Il robot dell’Università americana è un costituito da un braccio meccanico guidato da un’intelligenza artificiale, che sulla base dei risultati di uno scan a ultrasuoni decide in autonomia le operazioni chirurgiche da effettuare.

    Per il primo esperimento è stato inserito un acino d’uva nella ricostruzione prostatica umana in un tacchino, che appunto simulava la presenza di un tumore. Il robot è riuscito ad inviduare la lesione e a prelevare otto campioni del tumore con un’accuratezza pari al 92%. In precedenza lo stesso dispositivo si era mostrato in grado di effettuare biopsie anche su tumori al seno simulati. In poche parole sono state simulate una biopsia alla prostata e al seno.

    Kaicheng Liang, il primo autore della ricerca, ha spiegato che la realizzazione del robot è stata possibile grazie al passaggio alle tre dimensioni dell’ecografia. Infatti, il braccio meccanico è in grado di leggere un’ecografia in 3D e di individuare così eventuali anomalie come lesioni o tumori.

    In futuro, robot autonomi come questo potranno effettuare tutti gli interventi più comuni, con maggior sicurezza e con un grande risparmio economico. I componenti di questa nuova tecnologia, infatti, sono già tutti presenti sul mercato, quindi non è necessario svilupparne altri per la realizzazione di nuove intelligenze, abbassando notevolmente i costi.

    Il prossimo passo sarà quello di testare il robot su un manichino o su un vero seno umano.

    Dolcetto o scherzetto?