Bambini: frutta nelle scuole per promuovere la cultura del “mangiar sano”

da , il

    Da oggi nelle nostre scuole primarie verrà distribuita frutta italiana di stagione, al fine di diffondere la cultura del mangiar sano. L’iniziativa parte dal ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e interesserà prima Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, le Province Autonome di Trento e Bolzano, Liguria, Toscana, Lazio, Umbria e Sardegna e successivamente (dal 15 marzo) verrà estesa a tutte le regioni italiane. “Frutta nelle scuole”: un nome semplice ed esauriente per una sfida volta a contrastare l’obesità infantile, un problema che purtroppo in Italia sta diventando un luogo comune.

    Luca Zaia, ministro delle Politiche agricole, in proposito ha detto “con questa iniziativa europea promossa dal Ministero, che partirà lunedì prossimo nelle scuole primarie italiane, diffonderemo la cultura del mangiar sano a partire dai più piccoli. Insegnare ai bambini l’importanza di una alimentazione sana, basata sui buoni prodotti dei nostri territori e della nostra ricchissima tradizione agricola, ci aiuta a formare adulti consapevoli che riconoscono il valore di uno stile di vita, anche alimentare, improntato alla qualità e alla salubrità. Insomma, a ricreazione meglio una mela o una pera dei nostri contadini che uno di quegli snack pieni di coloranti e calorie che fanno ingrassare”.

    Nello specifico verranno distruibuiti in 5000 scuole elementari oltre 25.000 quintali di frutta tra mele, pere, fragole, carote, arance, kiwi, sedani e pomodorini, prodotti esclusivamente in Italia.

    Per chiunque voglia saperne di più è già disponibile una pagina dedicata al programma, sul sito del ministero.