Bambina di un anno col tumore al cervello

da , il

    bambina col tumore al cervello

    Guardatela, vi sembra possibile che una bambina così piccola possa avere già un tumore al cervello? Purtroppo si. Il suo nome è Lilly McMacGlashan, ha solo un anno, ma è già così vicino alla morte. La bambina, infatti, è nata con un tumore, che adesso si sta diffondendo inarrestabile anche al cervello. E’ davvero sconcertante come la morte non faccia sconti a nessuno, nemmeno quando si tratta di una piccola creatura che si è appena affacciata al mondo. Ma ad aggravare la situazione, già abbastanza drammatica, è l’inefficacia delle cure mediche tradizionali.

    Col termine tumore cerebrale si indica una neoplasia che colpisce il cervello, ma bisogna distinguere tra i tumori del sistema nervoso centrale, che sono abbastanza rari, e quelli che invece si formano all’interno del cervello, anche se hanno origine da cellule metastatiche provenienti da altri distretti, come nel caso di Lilly.

    La bambina, infatti, è affetta da un neuroblastoma, un tumore maligno embrionario. Sebbene possa presentarsi a tutte le età, colpisce quasi esclusivamente i bambini. Al di sotto di un anno si manifesta spesso nella zona del torace, mentre nei bambini più grandi è maggiormente diffuso nell’addome. Anche in Italia arrivano molti bambini per farsi curare, soprattutto dall’Europa dell’Est, dai paesi Arabi, dal Sudamerica e dal Nord Africa.

    Nonostante la bambina sia stata sottoposta ripetutamente a cicli di chemioterapia in ospedale, la cura sembra non avere alcun effetto, l’unica possibilità di sopravvivenza per Lilly, infatti, è un costoso intervento chirugico a New York, che il sistema sanitario inglese non è in grado di finanziare. E’ per questo motivo che i genitori di Lilly si sono decisi a lanciare un appello per raccogliere 300.000 sterline, necessarie per affrontare il viaggio negli Stati Uniti.

    Chiunque voglia aiutare questa piccola bambina a salvarsi, può farlo visitando i siti web dove sarà possibile fare una donazionehelplilly.co.uk/www.helpforlilly.com/.

    Tutti noi, ci auguriamo che Lilly possa sconfiggere il tumore, proprio com’è successo a Francesca Sarti, che ha vinto il male dopo 12 mesi di chemioterapia.

    Dolcetto o scherzetto?