Autismo causato dai vaccini, genitori di 12enne fanno causa alla Asl

da , il

    autismo vaccino

    Il figlio 12enne è affetto da autismo ed epilessia, e i genitori fanno causa alla Asl, perché sono convinti che a provocare questi gravi problemi neurologici siano stati i vaccini somministrati al piccolo quando aveva pochi mesi di vita. A sporgere denuncia, su consiglio del medico legale Dario Miedico, è una famiglia di Spilimbergo, che ora pretende un congruo risarcimento per il danno subito dal loro figlio. Ma vediamo i fatti. Sul bimbo vennero effettuate le consuete vaccinazioni, in parte obbligatorie (l’antipolio, l’antidifterica e antitetanica e anti epatite B), e in parte facoltative, tra cui l’anti pertosse, quando aveva 3 e 5 mesi (come del resto prevede la normativa sulle vaccinazioni in età pediatrica).

    Tuttavia, il piccolo era affetto da una forma di dermatite atopica che, secondo il legale, avrebbe dovuto far posticipare le iniezioni, anche se non esistono delle controindicazioni specifiche tra questo problema cutaneo e l’azione immunizzante del vaccino. In ogni modo, a parte una accentuazione dei sintomi della dermatite, i problemi del bambino cominciarono subito dopo il secondo richiamo dei vaccino, quando cominciò a manifestare spasmi del corpo, movimenti ondulatori della testa, urla e irascibilità, fino alla diagnosi, avvenuta al compimento dei 13 mesi del bimbo, di autismo aggravato da epilessia (era il 2000).

    Nel 2007 i genitori decisero di far causa alla Ass 6 per ottenere dei risarcimenti finanziari, ma venne loro opposto un netto rifiuto, dovuto al fatto che non esiste (al momento) nesso di causalità tra sviluppo dell’autismo e vaccinazioni. Ora i coniugi ricorrono nuovamente e chiedono un congruo risarcimento che sarebbe senza dubbio molto consistente se stavolta dovesse essere data loro ragione.

    Onestamente non ho le conoscenze per sapervi dire se siamo di fronte ad un caso di negligenza o di malasanità, l’unica cosa certa è che abbiamo un bimbo autistico ed epilettico che avrà bisogno di cure specifiche per tutta la sua vita, e due genitori addolorati e sofferenti, che avranno bisogno di aiuto per assistere nel giusto modo il loro bimbo. Non c’è altro da aggiungere, per il resto, la giustizia farà il suo corso, speriamo.

    Dolcetto o scherzetto?