Attenzione agli occhi a Capodanno, i tappi degli spumanti possono provocare danni seri

da , il

    Spumante tappo occhi

    Festeggiare Capodanno con criterio, significa anche stare attenti agli occhi propri, e e a quelli altrui, quando si stappa la classica bottiglia di spumante. Lo so che vi viene da sorridere, ma solo perché non siete degli oftalmologi, ovvero coloro i quali, ogni post Capodanno, si ritrovano a dover porre rimedio a traumi oculari di varia natura occorsi proprio a causa dei micidiali tappi di sughero “sparati” a tutta velocità in fase di apertura delle bottiglie. Maggiormente a rischio sono, a detta degli stessi oculisti, gli individui adulti di età comprese tra i 30 e i 50 anni, specialmente maschi, ovvero gli appartenenti alla categoria degli addetti allo stappo.

    I traumi a distanza ravvicinata, quelli in cui la velocità del tappo non è stata rallentata da rimbalzi o attriti di alcuna natura, sono logicamente i più seri. “I danni che subisce un occhio centrato in pieno da un tappo di spumante possono essere gravissimi – spiega Antonio Scialdone, Direttore di Oculistica I dell’Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano – La violenza del colpo può provocare un’emorragia e distruzioni con alterazioni irreversibili della struttura interna dell’occhio che nei casi più gravi portano alla cecità.

    Se il colpo è diretto e da una distanza intorno al metro, il rischio di perdere la vista può arrivare a una percentuale pari al 90%. E comunque, anche se si è più “fortunati” – precisa Scialdone – è difficile che l’occhio possa tornare allo stato precedente l’infortunio”. Naturalmente stare attenti alla salute dei propri occhi, non significa privarsi del piacere di un buon brindisi, l’essenziale è che si seguano elementari regole di prudenza nel momento in cui si va a stappare la bottiglie dello spumante. Ecco cosa consiglia l’oculista:

    1. Tenere una mano saldamente a coppa sopra il tappo, prima di procedere allo stappo e dopo che si è eliminata la gabbietta di protezione
    2. Non “sparare” il tappo in aria, ma trattenerlo con la mano, tanto l’importante è il botto, no?

    Insomma, basta poco per trascorrere un bel Capodanno divertente, e soprattutto sicuro.

    Dolcetto o scherzetto?