Arterite di Takayasu ovvero la “malattia senza polsi”

da , il

    Polso di donna

    L’Arterite Takayasu è una malattia rara, sistemica, caratterizzata da un’infiammazione dei vasi sanguigni. Rientra cioè tra le vasculiti: per essere precisi è scientificamente definita come una infiammazione granulomatosa dell’aorta e dei suoi rami principali. E’ un’altra delle patologie che possiamo definire al “femminile”: colpisce comunemente le donne di età inferiore ai 50 anni, è tra le vasculiti più diffuse in età fertile e sebbene abbia un’alta incidenza nelle asiatiche (in Giappone un caso ogni 3000 donne), è una malattia segnalata in ogni parte del mondo.

    I sintomi dell’arterite di Takayasu

    E’ una patologia dall’esordio non comune: colpisce in maniera diversa, a volte può manifestarsi come un caso isolato, episodico o devastante. Può coinvolgere un organo o tutti, e portare anche al rischio di vita. Da qui si evince che la sua presentazione clinica è piuttosto eterogenea e complessa:il 10% dei casi di arterite di Takayasu è asintomatico. In generale tale patologia presenta spesso mal di testa e sensazione di malessere diffuso, artralgia, febbre ed in parte minima anche perdita di peso non giustificata. Ma anche occlusione carotidea (80% dei casi) claudicatio intermittens degli arti, claudicatio masticatoria, fenomeno di Raynaud, disturbi visivi, lesioni cerebrali, ipertensione, insufficienza aortica, angina pectoris, infarto del miocardio, dolori addominali; Una particolarità alla visita clinica consiste nella riduzione o addirittura nell’assenza dei polsi (dovuta ad ostruzione): per questo è anche definita malattia senza polsi.

    La diagnosi dell’Arterite di Takayasu

    La diagnosi parte necessariamente dai sintomi, soprattutto quelli particolari come l’assenza di polso, oltre che dall’esclusione di altre patologie. In generale però la conferma arriva grazie ad indagini strumentali, come l’eco doppler, l’angiografia (la più utilizzata), la risonanza magnetica e/o la tomografia computerizzata (TC) che sono in grado di evidenziare eventuali anomalie della parete delle arterie, occlusioni e spessori. Non esistono analisi di laboratorio specifiche, anche se questa malattia spesso si associa a ad un notevole aumento dei valori riguardanti la flogosi, come la VES.

    L’ Arterite di Takayasu in gravidanza

    Una attenzione particolare va tenuta con le donne in gravidanza. Questa patologia non complica la fertilità per cui si può rimanere in stato interessante. Ciò non toglie che è consigliabile pianificare il tutto con il proprio medico a causa delle sue complicanze: nel terzo trimestre (e durante il travaglio) un aumento della pressione arteriosa tipico della malattia può mettere a repentaglio la salute e la vita sia della futura mamma che del nascituro.

    Foto: Dhammza per Flickr