Arriva la giornata mondiale dedicata alla donazione del sangue

da , il

    donazione sangue

    Donare il sangue è importante, lo sappiamo. E per ringraziare tutti i donatori abituali ed invitare gli altri a compiere il semplice atto, il prossimo martedì 14 Giugno si celebra la Giornata Mondiale della Donazione del Sangue. L’iniziativa è stata voluta dall’Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) e realizzata in collaborazione con la Croce Rossa Internazionale ed altre associazioni di categoria. Il giorno prescelto non è casuale, ma vuole essere un omaggio a Karl Landsteiner, il biologo americano che circa un secolo fa ha individuato i gruppi sanguigni ed il fattore RH.

    Quest’anno i numerosi eventi avranno un filo conduttore: l’importanza di uno stile di vita sano, per tutti e soprattutto per chi dona il sangue. L’Italia ha da qualche anno già raggiunto l’autosufficienza in materia ematica: si effettuano ogni 12 mesi circa 2.600.000 donazioni di sangue intero e 500.000 in aferesi (ovvero di un solo suo componente). Ma la media annuale non significa ci sia sempre disponibilità. Nonostante le nuove tecnologie intra-operatorie (e non) che aiutano a “consumare” solo gli elementi necessari, a non fare sprechi e ad utilizzare al massimo le sacche di sangue raccolte, esistono ancora dei problemi: d’estate c’è sempre un calo delle donazioni, mentre alcune regioni sono sempre a “secco” e dipendono dalle altre per le emergenze e le cure ematiche.

    Quali? Ovviamente un intervento chirurgico d’emergenza può richiedere sangue (mentre per quelli di routine programmati, nella maggior parte dei casi si procede all’autodonazione, qualche giorno prima del ricovero ndr), ma anche malattie come la talassemia, la leucemia o l’emofilia possono necessitare di una donazione di sangue. Le donne possono donare il sangue solo ogni 6 mesi (a differenza degli uomini ogni tre). E tu che aspetti? Chiedi informazione al centro trasfusionale più vicino a casa tua!