Ansia e depressione: combatterle con lo sport all’aria aperta

da , il

    sport allaria aperta

    Medici e salutisti di tutto il mondo raccomandano da sempre di farlo quotidianamente: lo sport, un toccasana per il corpo e per la mente. Tenersi in allenamento mantiene i muscoli sodi e giovani, prevenendo i danni del tempo. Anche lo stato emotivo migliora, perché il movimento stimola la produzione degli ormoni della felicità: le endorfine, che infondono una gradevole sensazione di benessere. Se questi sono dati noti e accertati da tempo, non era ancora del tutto chiaro se fosse preferibile fare sport all’aria aperta o al chiuso.

    Una domanda che ha ispirato i ricercatori inglesi del Peninsula College of Medicine and Dentistry di Plymouth, che per rispondere hanno analizzato e incrociato i risultati di ben undici ricerche effettuate in passato sullo stesso argomento. L’indagine ha coinvolto un campione complessivo di oltre ottocento soggetti adulti, uomini e donne di età diverse. Ebbene, le analisi effettuate dai ricercatori parlano chiaro: lo sport all’aria aperta avrebbe effetti positivi per la mente nettamente superiori rispetto all’attività fisica svolta in luoghi chiusi. Chi fa sport nei parchi e negli altri luoghi all’aria aperta sembra essere meno esposto ai sintomi della depressione, più allegro, soddisfatto e meno irascibile, rispetto a chi è abituato a rinchiudersi nelle palestre.

    “Sapevamo che fare movimento immersi nella natura fa bene – spiega il dott. Jo-Thompson Coon, coordinatore dello studio – ma ci hanno stupito gli effetti sull’ansia e la depressione. Le ricadute positive sull’umore sono massime quando lo sport è praticato all’aria aperta e in un ambiente vitale, probabilmente anche grazie agli effetti positivi della socializzazione”. Secondo l’esperto, i risultati della ricerca potrebbero servire da spunto per lo sviluppo di nuove terapie mirate contro il male di vivere e l’obesità: due patologie che stanno mettendo in ginocchio l’occidente.