Andare dal dentista? Ecco perché

da , il

    andare dal dentista

    Andare dal dentista è una forte fonte di ansia e timori per numerose persone. Eppure esistono tanti motivi per andare con regolarità dall’odontoiatra, che andrebbero valutati a fondo prima di farsi cogliere da inutili paure. In effetti solo in rari casi la fobia del dentista ha profonde basi psicologiche, per il resto è solo una scusa per rimandare un impegno sgradito. Eppure le donne sono molto attente alla prevenzione del tumore dell’utero e di quello al seno, perché non dovrebbero esserlo anche in caso di cancro orale?

    Questa patologia si sta diffondendo ogni anno sempre di più ed è una di quelle forme neoplastiche facilmente individuabile con uno screening dal dentista o dall’igienista dentale e curabile se diagnosticato per tempo. Questo è ovviamente il caso estremo, ma è importante fare un regolare check up dal dentista anche per altri motivi. Per avere sempre un sorriso fresco e smagliante ad esempio; per togliere il tartaro con una pulizia dei denti, il primo passo per prevenire le infiammazioni delle gengive o la parodontite (che comporta diminuzione di massa ossea e alla lunga anche la perdita del dente);

    per individuare sul nascere e curare una carie: questo può evitare il nascere di un ascesso e di un forte dolore improvviso nel momento meno opportuno; per sbiancare i denti dalle macchie di cibo e fumo di sigaretta; per comprendere se le vostre cefalee ricorrenti dipendono da un problema di malocclusione; per risolvere il problema dell’alito cattivo: pensate care amiche di Pourfemme che nell’85% dei casi questo imbarazzante disturbo dipende proprio da un problema orale.

    Recenti ricerche scientifiche hanno inoltre evidenziato come la cattiva igiene orale abbia un’incidenza anche sulle malattie cardiache e sugli ictus. Soprattutto però, dentista ed igienista possono consigliare gli strumenti e le metodiche migliori per mantenere a lungo la corretta igiene orale, a partire dal corretto spazzolino da denti, filo interdentale e dal modo in cui vanno utilizzati. In ultimo: abbiamo fatto un piccolo sondaggio e nessuno ricorda sofferenza durante una cura odontoiatrica, nulla di insopportabile soprattutto se paragonato al mal di denti. Vale la pena provare vero?

    Dolcetto o scherzetto?