Amianto: gli effetti nocivi sulla salute

Le fibre d'amianto aerodisperse ed inalate rimangono nei polmoni per sempre

da , il

    Amianto: gli effetti nocivi sulla salute

    L’amianto, chiamato anche il “killer invisibile“, è un minerale naturale che ha effetti nocivi sulla salute. La pericolosità deriva dalle sue fibre, che se inalate, si accumulano nei bronchi e negli alveoli polmonari provocando patologie spesso di natura cancerogena. Per capirne l’entità basti pensare che in Italia dal 1992 è stato imposto un divieto di estrazione, produzione, commercio, importazione, esportazione e utilizzo di materiali contenenti amianto, e la chiusura della miniera di Balangero in Piemonte.

    Amianto, Eternit, fibrocemento, asbesto: 4 parole che fanno paura. Utilizzato per molti decenni nell’industria siderurgica, automobilistica, meccanica, edile e tessile, per via delle sue proprietà di facilità di lavorazione, resistenza al fuoco e agli acidi, isolamento termico, elettrico ed acustico e per il suo basso costo, per poi scoprire di avere davanti un prodotto altamente pericoloso.

    La sua pericolosità deriva dalla sua capacità di rilasciare fibre inalabili dall’uomo che possono entrare in profondità nei polmoni provocando malattie dell’apparato respiratorio.

    La nascita di patologie è correlata alla quantità di fibre respirate, alla durata dell’esposizione e alle dimensioni delle fibre inalate.

    Principalmente, respirare le fibre d’amianto può provocare:

    • Asbestosi: una malattia polmonare professionale cronica che provoca tessuto fibrotico e cicatriziale, ossia una fibrosi polmonare e una conseguente insufficienza respiratoria.
    • Mesotelioma pleurico-peritoneale: una neoplasia che colpisce il mesotelio che riveste i polmoni, la parete interna del torace e degli organi addominali.
    • Cancro ai polmoni: una malattia che si può sviluppare nelle cellule che costituiscono bronchi, bronchioli e alveoli.
    • Cancro del tratto gastro-intestinale: una malattia che si sviluppa in tutti gli organi del tratto gastrointestinale, dall’esofago fino al retto.
    • Cancro della laringe: una malattia che colpisce l’organo dell’apparato respiratorio collegato con l’orofaringe, l’ipofaringe e la trachea.

    con periodi di incubazione che possono andare da 10 fino a 40 anni.

    E’ stato infatti calcolato che si registreranno morti a causa dell’amianto almeno fino al 2040, perchè sono ancora presenti milioni di tonnellate di fibra di amianto sui tetti, nei muri e in molti altri prodotti che lo hanno utilizzato fino agli inizi degli anni ’90. E in Italia il picco massimo di morti si ha in questi anni, ossia dal 2015 al 2020, con un’incidenza di 4.000 persone morte ogni anno per malattie asbesto correlate.

    Sta procedendo quindi la bonifica dei siti ancora contaminati presenti su tutto il territorio italiano mediante lo smaltimento dell’amianto da parte di ditte specializzate che procedono con l’incapsulamento, il confinamento, o la rimozione completa dei prodotti in amianto.

    Da segnalare che sono anche in corso studi sulla pericolosità dell’amianto anche riguardo l’ingestione delle fibre, che potrebbero penetrare nelle cellule dell’apparato gastro-intestinale, nei tessuti o nel sangue.