Alzheimer: individuati 5 nuovi geni predisponenti

da , il

    Alzheimer nuovi geni

    Alzheimer: importanti passi avanti, per individuare le cause predisponesti di questa forma di demenza senile e per ipotizzare anche una cura o un eventuale vaccino. Sono state due le ricerche pubblicate su “Nature Genetics” al riguardo: si tratta di uno studio europeo coordinato dall’Istituto Pasteur di Parigi che si è avvalso anche dell’ausilio di ricercatori italiani e di un lavoro realizzato presso l’Università della Pennsylvania. All’origine di tutto due consorzi internazionali che hanno permesso lo scambio di preziose informazioni.

    Un progetto mondiale dunque per sconfiggere l’Alzheimer. Il tutto sottolinea come anche in questo campo l’unione faccia la forza. Nello specifico sono stati individuati 5 geni ritenuti essenziali nello sviluppo della malattia di Alzheimer. E’ stato analizzato il genoma di circa 60.000 persone, 20.000 affette dalla nota forma di demenza e le altre sane. Sono stati così individuati 5 fattori genetici nuovi (per completezza di informazione i nomi sono ABCA7, MS4A, EPHA1, CD2AP e CD33) che sembrano avere un peso rilevante nella maggior parte dei casi, ovvero nelle forme di Alzheimer, comuni, non legati ad ereditarietà. L’importanza di tale scoperta consiste nelle funzioni stesse di questi geni: tre concorrono al passaggio delle molecole nella cellula, uno è deputato al raggruppamento delle proteine e gli ultimi due sono correlati all’attivazione di immunità dei neuroni. Tale studio rappresenta un caso unico, non solo per i risultati stessi, che aprono nuove speranze per comprendere meglio le cause ed arrivare ad agire preventivamente con un vaccino, o dal punto di vista curativo, ma soprattutto per la quantità di dati trattati in poco tempo.

    Ed il tempo è prezioso in questo senso. A causa dell’invecchiamento globale della popolazione attualmente si aggira intorno ai 35,6 milioni di persone che nel 2030 potrebbero diventare 65,7 milioni. Una drammatica epidemia.

    Dolcetto o scherzetto?