Alimentazione: proprietà e benefici del pomodoro

da , il

    pomodori

    Oggi parliamo del pomodoro, un alimento tipico della tradizione culinaria italiana e più in generale di quella mediterranea. Da secoli lo sfruttiamo per arricchire le nostre insalate, ma anche per insaporire le nostre pietanze. Quanti di voi resisterebbero davanti a un bel piatto di spaghetti ca’ pummarola ‘ncoppa? Il sapore del pomodoro è apprezzato un po’ da tutti, solo in pochi sono invece a conoscenza degli innumerevoli benefici che può apportare un consumo regolare di questo alimento. Scopriamoli insieme.

    Innanzitutto è importante ricordare che il pomodoro è un alimento ipocalorico, rimineralizzante e dissetante, perché è costituito in larga parte da acqua (più del 90%). Le proteine si attestano al di sotto dell’1%, i grassi si aggirano intorno allo 0,2%, mentre i carboidrati rappresentano circa il 3% delle calorie totali. Vista la sua composizione, il pomodoro può essere incluso senza problemi nel menù giornaliero di una dieta dimagrante. Anche perché, tra le altre cose, è ormai attestato che un consumo regolare di questo alimento favorisce la digestione dei cibi ricchi di fecole e amidi (patate, pasta, riso e così via), accelera il metabolismo e permette di eliminare le proteine in eccesso. Come se non bastasse, la presenza di zolfo permette di ottenere un’azione depurativa e disintossicante per l’organismo.

    Il pomodoro è una vera e propria miniera di sali minerali e di oligominerali: il potassio aiuta a combattere stress e stanchezza, previene i crampi e i dolori muscolari; fosforo e calcio sono importanti per la salute delle ossa e dei denti e concorrono alla sintesi dei carboidrati e dei grassi; zinco e selenio, infine, favoriscono la riparazione delle cellule contrastando l’invecchiamento della pelle.

    In conclusione, non va dimenticato che il pomodoro è anche una fonte importante di vitamine. Pensate che basta mangiare un singolo pomodoro per assumere il 40% della vitamina C (25mg ogni 100g) di cui abbiamo bisogno ogni giorno. Non va inoltre sottovalutato l’apporto di vitamina A (610 mcg ogni 100g) e quello di vitamine del gruppo B, utili per la corretta ossigenazione delle cellule.

    Dolcetto o scherzetto?