Alimentazione in estate: il decalogo del ministero della salute

da , il

    frutta estiva

    D’estate si sa, non c’è grande voglia di cucinare, e neppure di stare seduti a mangiare. Questo però non significa che i mesi estivi e caldi siano all’insegna della dieta dimagrante involontaria. Tutt’altro, a mangiare si mangia egualmente solo il modo più sbagliato, alterando (anche grazie al maggior tempo libero a disposizione in vacanza) i comuni ritmi dei pasti e le qualità/quantità dei cibi che si assumono. Ecco allora che il Ministero della Salute suggerisce consigli pratici per non andare incontro a chili di troppo o pericolosi squilibri nutrizionali, grazie ad una nuova campagna informativa lanciata in queste ore: E…state OK con la salute, che si avvale di un opuscolo caratterizzato da un decalogo del mangiar sano in estate. Vediamo nel dettaglio quali sono i consigli del caso.

    Mangiar sano d’estate a partire dalla colazione

    Si sa che in estate, chi può (bambini, studenti, chi è in ferie…) va a dormire più tardi la sera e si sveglia ad ore improbabili di giorno. Questo solitamente favorisce il salto della prima colazione, o peggio un doppio con il pranzo. La prima regola d’oro del mantenersi in forma in estate è quella di alterare il minimo possibile il proprio stile di vita, senza cambiare il numero e l’orario dei pasti. La colazione poi deve sempre essere preferita a qualunque altro pasto e completa: arriva dopo molte ore di digiuno ed avremo bisogno di energie per il resto della giornata. Se si sente il bisogno di fare uno sgarro, questo è il momento giusto. Se si mangia al ristorante (o in casa), vanno evitati pasti completi (primo secondo e contorno), meglio il piatto unico, almeno a cena.

    Come scegliere i cibi d’estate

    E’ d’obbligo salutistico mangiare sempre frutta e verdura fresca e quindi di stagione e l’estate ne offre una gran quantità. E’ importante prediligere cotture (al vapore ad esempio) che non disperdano i Sali minerali e le vitamine come accade con bollitura. Variare i pasti attraverso i colori è un modo per assimilare quanti più nutrienti ed antiossidanti possibili. Lo yogurt senza aggiunta di zucchero è un altro alimento consigliato per spuntini e colazione e non è vietata la frutta secca, ricca di elementi nutrizionali importanti: basta non farne un abuso perché è caratterizzata da molte calorie. Va ridotto il consumo di sale (in generale, questa diminuzione aiuta a combattere l’ipertensione)che può provocare ritenzione idrica. Quel minimo usato, va preferito iodato. Una buona alternativa ai soliti pasti sono il gelato ed i frullati. Evitare i cibi grassi ed elaborati

    Cosa bere in estate

    E’ buona norma bere almeno un litro e mezzo di acqua. Gli anziani che non hanno lo stimolo, devono comunque sforzarsi di farlo, perché con il caldo aumenta la sudorazione e si rischiano problemi seri di salute come la disidratazione o il colpo di calore. Vanno limitate invece le bibite zuccherate e gassate, ma anche quelle modicamente alcoliche: aperitivi, vino, birra, mentre sono da evitare quelle con alti dosi di alcool.

    Foto: Linus 1962 per Flickr