AIRC e Pourfemme, insieme per prevenire il cancro

da , il

    Benedetta Parodi per le Arance della Salute

    Tornano le Arance della Salute AIRC, il 31 gennaio 2015 in centinaia di piazze di tutta Italia. Un’iniziativa importante per imparare a prevenire il cancro anche a tavola, che Pourfemme ha preso davvero a cuore, proponendosi come media partner d’eccezione, offrendo una vetrina per conoscerne meglio protagonisti e obiettivi, caratteristiche e finalità. Pourfemme sostiene la campagna AIRC con una sezione dedicata interamente alle Arance della Salute, con interviste esclusive, approfondimenti e contenuti ad hoc per informare e sensibilizzare al meglio i suoi 3 milioni di lettrici.

    559mila chili di arance italiane, 290mila reticelle di gustosi frutti rigorosamente made in Italy, coltivati in Sicilia, Campania e Sardegna, per due scopi decisamente nobili: raccogliere fondi per la ricerca sul cancro e informare sull’importanza dei corretti stili di vita, con l’alimentazione in testa, per la prevenzione delle malattie oncologiche.

    Perché proprio l’arancia rossa? Perché è buona, certo, ma non solo da gustare. L’arancia rossa italiana è il simbolo concreto del messaggio che AIRC vuole trasmettere: una vera miniera di benefici e sostanze nutritive importanti, dalla vitamina C agli antociani, pigmenti naturali dalla potente azione antiossidante.

    Quindi, perché non approfittare di questa iniziativa per fare il pieno di gusto e salute? A fronte di un’offerta di 9 euro si riceve una reticella di deliziose arance rosse italiane da 2,5 chili e la guida “50 anni di ricerca a tavola”, un percorso culinario alla scoperta di trucchi e ricette per guadagnare salute mangiando bene, a cura del cuoco Sergio Barzetti in collaborazione con “La Cucina Italiana”.

    Solidarietà, informazione e prevenzione, ma quest’anno le Arance della Salute sono anche l’occasione perfetta per celebrare mezzo secolo di attività e impegno dell’ AIRC, di sostegno attivo e concreto alla ricerca oncologica. Mezzo secolo di sfide vinte da quel lontano 1965 quando l’associazione era solo una realtà milanese a oggi che è una realtà presente su tutto il territorio italiano con 17 comitati regionali, con all’attivo 905 milioni di euro distribuiti per progetti di ricerca contro il cancro.

    50 anni di lavoro e impegno che hanno contribuito ai successi della ricerca oncologica, che hanno permesso di ridefinire i contorni delle sempre più diffuse malattie tumorali: infatti, se l’incidenza del cancro in tutto il mondo è in forte aumento, segue lo stesso trend al rialzo anche la quota di malati che riescono a guarire con un conseguente incremento del tasso di sopravvivenza e della speranza di vita. Solo in Europa, secondo le stime dei ricercatori dell’Istituto Mario Negri di Milano (basate sui dati ufficiali di Oms ed Eurostat), nel 2014 sono più di 250mila le vite salvate grazie alla prevenzione e ai progressi della ricerca scientifica in campo oncologico.

    Cosa aspettate per unirvi a questa causa? In attesa di dare il vostro contributo nelle piazze, potete iniziare da subito la lotta al cancro sulle vostre tavole grazie a i consigli di esperti ricercatori, di chef stellati e di volti noti della Tv legati al mondo del food che troverete nello speciale di Pourfemme dedicato alle Arance della Salute.