Aids la nuova campagna della Lila rivolta anche alle donne

da , il

    Aids preservativo donne campagna LILA

    Il primo dicembre prossimo si celebra la Giornata Mondiale della lotta all’aids. Gli ultimi dati confermano un trend positivo: muoiono meno persone, l’aspettativa di vita è più lunga e la qualità migliore, sono diminuiti i contagi. Ma sono comunque ancora troppi. In Italia si assiste ogni anno a circa 4.000 nuove diagnosi di hiv. L’obiettivo della nuova giornata mondiale sarà “Getting to zero”, arrivare a zero contagi per il 2015. Troppo vicino? Difficile? No se ci si concentra su un gesto semplice, tanto quanto il contagio. Quale? Usare sempre il profilattico.

    Gli specialisti lo ricordano da sempre ed anche le varie campagne informative delle associazioni mondiali anti aids/hiv sottolineano l’importanza del condom nella prevenzione della malattia in quanto attualmente rappresenta l’unica certezza per evitare il contagio. La Lila (Lega Italiana Lotta all’Aids) ha lanciato una campagna di sensibilizzazione fatta da giovani autori, per giovanissimi fruitori. La scelta particolare ha riguardato, come vedete dalla foto, la semplicità del messaggio, ma anche il fatto che esista una versione al femminile ed una al maschile. L’hiv non è più da tempo un virus che riguarda solo gli omosessuali e dunque gli uomini e basta, ma anche tante, tantissime donne, che devono imparare a difendersi, utilizzando sempre un profilattico condom o femidom (il preservativo femminile) che sia.

    Il problema non è però di semplice realizzazione. Non è l’informazione che manca, ma l’applicazione di ciò che si sa già. Basta pensare all’aumento delle malattie sessualmente trasmissibili anche tra gli adolescenti e giovanissimi! Si pensa ancora che il profilattico blocchi il piacere, in realtà dona la medesima sensibilità, si ritiene che inserirlo interrompa la spontaneità del rapporto amoroso, di fatto aggiunge complicità e dona maggiore sicurezza all’atto. Diciamoci la verità ragazze, in un rapporto sessuale con un nuovo partner, non abbiamo pensato tutte che era meglio usarlo il preservativo? Solo che poi abbiamo accantonato l’idea dicendoci: “non può capitare a me”. E’ errato, vogliamoci bene, pretendiamo rispetto dai nostri compagni, ma prima ancora concediamocelo.

    Dolcetto o scherzetto?